Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, Chris Paul è il grande sconfitto in casa Suns: "Un ko che fa davvero male"

le parole
©Getty

L’All-Star n°3 dei Suns diventa l’unico nella storia NBA ad aver perso per quattro volte una serie playoff dopo essere stato in vantaggio per 2-0: l’ennesima beffa, la più dura da digerire in quella che secondo molti era la sua ultime occasione. Ma Paul rilancia: “Non mi ritiro e tornerò a lavorare duro in palestra”

GIANNIS E BUCKS CAMPIONI: LE REAZIONI DEL MONDO NBA

Non si nasconde e forse non può nascondersi Chris Paul, travolto dall’ennesima sconfitta - la prima alle NBA Finals - di una carriera in cui sperava di aggiungere un titolo che difficilmente riuscirà ad acciuffare in futuro: “Abbiamo fatto una stagione pazzesca, certo, ma è dura. È durissima: questa sconfitta farà male per tanto tempo”. Non c'è molto da aggiungere ed è difficile dargli torto dopo aver sciupato per la quarta volta in carriera il vantaggio di 2-0 in una serie - nessuno ha fatto peggio di lui nella storia dei playoff NBA. In conferenza stampa non si sofferma a spiegare quale fosse lo stato d’animo di uno spogliatoio in ginocchio, respingendo l’idea che aver giocato le sue prime Finals possa essere un risultato accettabile: “Non esistono vittorie morali nella mia carriera: questa sconfitta mi insegna soltanto che devo tornare in palestra a lavorare, nulla più. Ci vorrà molto tempo per digerire questa serata. Se mi state chiedendo se ho intenzione di ritirarmi, sappiate che è fuori discussione: continuerò a lavorare e a cercare di migliorarmi”. Sognando di tornare a giocarsi una partita di questa importanza.

vedi anche

Antetokounmpo immenso ne fa 50: Bucks campioni NBA

Difficile anche trovare la giusta lucidità per analizzare la sconfitta, al termine di una prestazione da 26 punti e 5 assist con 11/19 al tiro e 3 palle perse. Troppo poco? Complicato chiedere di più a un giocatore con evidenti problemi fisici, che tuttavia non vuole parlare del suo stato di salute: “Non ho guardato il boxscore delle statistiche, ma credo ci abbiano condannato le tante palle perse”, sottolinea il n°3 dei Suns (inconsapevole in realtà che i possessi sprecati da Milwaukee sono stati 18 a fronte dei 14 persi da Phoenix, ndr). “A inizio ripresa abbiamo sbagliato dei tiri aperti che dovevamo mettere dentro. E poi è sempre la stessa storia: i tiri liberi. Loro ne hanno tentati molti più di noi (19 per tutti i Suns, gli stessi concessi al solo Giannis Antetokounmpo arrivando a 26 in totale per i Bucks, ndr). In definitiva: quando avremmo dovuto evitare di subire canestro non ci siamo riusciti e lì abbiamo perso la gara”. CP3 ha aggiunto così un’altra sconfitta al suo personale record negativo nelle partite arbitrate da Scott Foster, ma non è la serata adatta per le polemiche. La grande occasione di scrollarsi di dosso l’etichetta di incompiuto e di perdente è appena sfumata: una delusione che lascia poco spazio ad altre recriminazioni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche