Please select your default edition
Your default site has been set

La Roma celebra il gol di Nicolò Zaniolo citando Michael Jordan: "Sono tornato"

social

Dopo il ritorno al gol nella partita di Europa Conference League vinta contro il Trabzonspor, l’account social della Roma ha commentato il ritorno al gol del giovane talento azzurro pubblicando un comunicato che ricalca il famoso fax con cui Michael Jordan comunicò al mondo intero la scelta di tornare a giocare a pallacanestro: “I’m back”

CONFERENCE LEAGUE, IL SORTEGGIO LIVE

Il font è simile, lo stile identico e la distribuzione delle parole è studiata, tenendo in alto a sinistra nel foglio la scritta grande stilizzata in stampatello. Ventisei anni fa era “F.A.M.E” - acronimo della società Falk, sinonimo involontario di fama e più in generale un logo in qualche modo collegato alla figura di Michael Jordan negli anni ’90. Questa volta, nel post pubblicato per sorridere sui social dalla squadra della Capitale, è A.S.R. - Associazione Sportiva Roma, che con una pubblicazione immediata (proprio come accade nel marzo 1995), comunica utilizzando parte della stessa dicitura che Nicolò Zaniolo è tornato. Tre parole entrate di diritto nella storia della NBA e più in generale dello sport: “I’m back”, conclusione di una comunicazione stringata con cui, a meno di due anni di distanza dal suo ritiro dal basket giocato (deciso a sorpresa nel 1993, dopo aver conquistato per tre stagioni in fila il titolo NBA e a seguito della tragica scomparsa di suo padre), Michael Jordan decideva di tornare a calcare i parquet americani e di andare a completare l'opera, vincendo altre tre volte il Larry O'Brien Trophy e diventando una leggenda dello sport.

L'immagine del fax che il 18 marzo 1995 annunciava al mondo intero il ritorno al basket di Michael Jordan dopo il primo ritiro arrivato nel 1993 a seguito della morte di suo padre

vedi anche

Roma ai gironi di Conference, Trabzonspor ko 3-0

Facendo le dovute proporzioni, anche per la squadra giallorossa il ritorno al gol di Zaniolo nella partita vinta 3-0 contro il Trabzonspor è una notizia da festeggiare: fermato a lungo dagli infortuni, il centrocampista non segnava dal 22 luglio 2020, lasciandosi così alle spalle 400 giorni di astinenza. Colpa dei due gravi infortuni che ha dovuto affrontare nell’ultimo anno, che gli hanno fatto saltare l’Europeo della scorsa estate e che hanno rimandato l’appuntamento con il 15° gol in carriera con la maglia della Roma. Un giocatore insomma cruciale anche sotto l’aspetto realizzativo per i giallorossi: “Stasera sono felicissimo, è un nuovo inizio: ci tenevo a giocare perché mi sono già riposato troppo in questi ultimi mesi, voglio stare in campo ogni volta che posso”. La partenza con il piede giusto, un’arma nelle mani sapienti di José Mourinho, l’occasione per la definitiva consacrazione. Quella dopo la quale si potrà celebrare nel migliore il suo ritorno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche