Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Bradley Beal al lavoro in estate: "L'obiettivo è tirare da più lontano"

parole
©Getty

In un’intervista il leader degli Washington Wizards ha rivelato su cosa sta lavorando quest’estate: "Voglio tirare da più lontano. Non mi metto in competizione con Damian Lillard, ma voglio tirare di più e da più lontano quest’anno. Certo, poi devo anche segnarle"

Il segreto di ogni grande giocatore è utilizzare i lunghi mesi dell’estate per aggiungere sempre qualcosa di nuovo al proprio repertorio, così da presentarsi ancora più completi e immarcabili nella regular season. Bradley Beal ha già dimostrato di essere un realizzatore capace di viaggiare a più di 30 punti di media nelle ultime due stagioni, toccando il suo massimo in carriera a 31.3 in quella passata. Eppure anche per uno come lui c’è sempre qualcosa da migliorare, ed è stato lui stesso a rivelarlo in un’intervista con NBC Washington. "Voglio tirare da più lontano. Non mi metto in competizione con Damian Lillard, non sono ‘Logo Lillard’. Ma voglio tirare da più lontano e tirarne di più. So di dovermene prendere di più, è una cosa che si dice spesso. Ma poi ovviamente devo anche segnarle". Effettivamente lo scorso anno Beal ha diminuito il suo numero di conclusioni dalla lunga distanza tentandone solo 6.2 a partita, il suo minimo dal 2015-16 (anche parametrandole su 36 minuti o su 100 possessi), pari solamente al 27% delle sue conclusioni totali (in carriera è al 34.4%), tiri quasi tutti diventati conclusioni dall’area dei floater (pari al 27.4% dei suoi tiri, più del doppio rispetto alla sua media in carriera del 12.4%). Allargare ancora di più il raggio di tiro potrebbe aiutarlo a mantenere alti i numeri delle conclusioni dalla lunga distanza, oltre a creare ancora più spazio per i suoi compagni chiamati a punire le attenzioni che le difese inevitabilmente gli concederanno. Ovviamente, come dice Beal, poi deve anche segnare: lo scorso anno ha sfiorato il 35% e nelle ultime quattro stagioni (all’aumentare del volume delle sue conclusioni da tre) non ha più superato il 40% che è riuscito a tenere nelle sue prime cinque stagioni della carriera. Ma se dovesse riuscire ad abbinare una nuova precisione a un volume di tiri ancora maggiore, Beal potrebbe diventare ancora più inarrestabile di quello che già è.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche