Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Kyrie Irving e la situazione contrattuale: sospeso, ma pagato (in parte) dai Nets

gli scenari
©Getty

Irving è stato messo fuori squadra dai Nets, ma riceverà parte del suo stipendio per le gare in trasferta in cui avrebbe potuto giocare anche da non vaccinato. Oltre al contratto però, a tenere banco sono gli scenari futuri e le opzioni sul tavolo a disposizione di Brooklyn - che non vuole svenderlo, spera di convincerlo a tornare sui suoi passi e che difficilmente potrà rescindere il suo contratto

Fuori squadra sì, ma almeno (in parte) pagato. A sgomberare il campo da ogni tipo di dubbio ci ha pensato Sean Marks durante una conferenza stampa tenuta poche decine di minuti dopo la pubblicazione del comunicato nel quale i Nets rendevano nota la decisione di lasciare Kyrie Irving fuori dal gruppo a tempo indeterminato, fino a quando non si metterà nelle condizioni di poter prendere pare in maniera “completa” alle attività della squadra. Niente vaccino uguale niente spazio all’interno del roster. A poco sono valse le indiscrezioni circolate dopo la pubblicazione di un pezzo da parte di The Athletic, in cui persone vicine a Irving raccontano il suo punto di vista: “Una battaglia per dare voce a chi non ha”, sottolineando che le posizioni dell’ex All-Star di Cavaliers e Celtics non sono di base no-vax. Non è scetticismo nei confronti del vaccino, ma l’occasione di utilizzare la sua piattaforma e il suo “pubblico” per portare avanti le cause di chi non ha possibilità di farsi sentire. Anche a costo di compromettere la sua stagione, l’ambizione di Brooklyn di conquistare il titolo NBA al termine di questa annata e più in generale mettendo in discussione il proseguimento della sua carriera.

Cosa succede al contratto di Irving: pagato per non giocare

vedi anche

Le ragioni di Irving: sfida che va oltre il basket

Uno dei primi nodi da affrontare in questa situazione anomala per tutti era quello della retribuzione: Irving viene sospeso per una decisione unilaterale da parte dei Nets, quindi deve continuare a ricevere il suo stipendio? Per le partite casalinghe dei Nets e per quelle da giocare in trasferta contro i Knicks e con gli Warriors (45 in tutto), la decisione è stata presa dalla NBA. L’accordo raggiunto tra la lega e la NBPA infatti prevede il mancato versamento di una quota di retribuzione pari a 1/91.6 del salario del giocatore per ogni gara a cui non può prendere parte - formula modificata lo scorso anno quando la stagione regolare ha previsto 72 e non 82 partite. La mancata vaccinazione dunque non viene considerata una “causa ragionevole”, ma una scelta del giocatore che non si mette nella condizione di poter scendere in campo: nel caso di Irving quindi ogni partita saltata per questa ragione corrisponde circa a 380.000 dollari non incassati. Qualora Kyrie saltasse dunque tutti le sfide, si supererebbe quota 17 milioni di dollari di sanzione su un contratto complessivo di oltre 35 milioni. E la restante parte? Quella gli verrà corrisposta, perché la sua assenza dal parquet riguarda solo ed esclusivamente una scelta della dirigenza, che inoltre non potrà multarlo per gli allenamenti saltati - dopo aver deciso di allontanarlo anche dalla palestra della squadra.

I tre possibili scenari: rescissione, vaccino o cessione

vedi anche

I Nets mettono fuori squadra Kyrie Irving

Capire cosa accadrà nel prossimo futuro resta un rebus di difficile soluzione e a cui, di certo, nessuno sa dare una risposta definitiva. Le soluzioni alternative sul tavolo da poter seguire al momento sono tre:

 

  • La prima è la rescissione unilaterale del contratto (strada molto difficile da percorrere a livello normativo per i Nets);
  • La seconda è che, dopo la somministrazione del vaccino, Kyrie Irving torni a essere a disposizione e venga reintegrato in squadra;
  • La terza è che Kyrie Irving venga ceduto da Brooklyn, possibilmente a una squadra che può schierarlo nelle partite casalinghe anche da non vaccinato.

 

Il terzo scenario è quello su cui Flavio Tranquillo - di cui trovate l’approfondimento video in testa all’articolo - si sofferma di più nel suo intervento, sottolineando come Brooklyn in quel caso si ritroverebbe a dover scambiare un giocatore con due anni di contratto davanti, un campione assoluto ma in aperta rottura con la franchigia. Una condizione che metta i Nets nella condizione di non poter chiedere nulla o quasi in cambio: per questo, nonostante l’intervento sul mercato appare il più percorribile, saranno tanti i fattori - e le persone - che agiranno all’interno della franchigia per provare a ricomporre la frattura (a partire da Kevin Durant e James Harden). Di certo c’è che questa intricata situazione continuerà a far discutere anche nelle prossime settimane.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche