Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Paul George incorona Morant: "Esplosivo ed elettrizzante: mi ricorda il primo D-Rose"

NBA
©Getty

Nonostante i suoi 41 punti, Paul George è uscito sconfitto dalla sfida contro i Grizzlies della giovane point guard, apertamente lodata nel post-partita: "Bravissimo nel cambiare direzione e spostare il corpo anche in aria. Veloce e dinamico: è davvero difficile da fermare"

Clippers-Grizzlies veniva presentata come una sfida tra due superstar - Paul George vs. Ja Morant (vista anche l'assenza di Kawhi Leonard) - e il duello nel duello non ha deluso. La battaglia, se così si vuol dire, l'ha vinta l'esterno di L.A., che ha chiuso a quota 41 punti (con anche 10 rimbalzi) contro i 28 del suo giovane avversario; la guerra, però, ha premiato Morant e Memphis, usciti vincenti dallo Staples Center grazie proprio alla grande prestazione della loro point guard. Per la quale proprio George nella conferenza stampa post-partita ha avuto parole di grande ammirazione, arrivando a scomodare un paragone importante per il n°12 dei Grizzlies: "È molto esplosivo: sappiamo dove vuole andare - vuole andare a sinistra - ma anche così è difficile contenerlo perché è fortissimo e molto veloce. È un giocatore elettrizzante - ha dichiarato "PG13" - e mi viene da paragonarlo al primo Derrick Rose. Io l'ho dovuto marcare da rookie nella nostra serie di playoff, Indiana contro Chicago, e oggi Ja è molto simile al tipo di giocatore che era D-Rose al tempo, per la sua abilità di cambiare direzione in un attimo e muovere il corpo anche in aria". 

approfondimento

L.A. ancora senza vittorie, Grizzlies ancora imbattuti: I RISULTATI

Complimenti veri se si va a rivedere l'esito di quella serie, con i Bulls capaci di spazzar via facilmente i Pacers 4-1 soprattutto in virtù di un Rose stellare, da 27.6 punti, 6.2 assist, 4.6 rimbalzi e ben 2.6 recuperi nelle cinque partite disputate. Morant - che nelle prime due gare finora vinte dai suoi Grizzlies - ha segnato 37 e 28 punti (con 7 assist e 4 rimbalzi di media) sembra proprio essere sulla giusta strada per emulare il più giovane MVP della storia NBA.