Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, James Harden torna in lunetta: 19 liberi contro Indiana, fine delle polemiche?

IL CASO
©Getty

Il Barba, reduce da cinque sfide complicate a inizio stagione in cui gli arbitri hanno spesso e volentieri evitato di fischiare in suo favore, ha chiuso la gara contro i Pacers segnando 29 punti e mandando a bersaglio 16 delle 19 conclusioni tentati a cronometro fermo. “Sono stato più aggressivo”, spiega Harden, provando a smorzare la polemica e lasciandosi alle spalle un avvio complicato di regular season

Dopo qualche prestazione in affanno, dovuta non solo ai mancati fischi arbitrali, James Harden è tornato protagonista - ancora affaticato e non del tutto in ritmo - nella vittoria di Brooklyn contro Indiana: le solite giocate in palleggio, capacità di creare spazio, triple che ricominciano ad andare dentro e soprattutto tanti comodi tiri liberi a disposizione. Il Barba infatti, dopo qualche giorno d’attesa, è tornato nel posto che più ama del rettangolo di gioco: la lunetta. Dopo aver tentato 15 conclusioni a cronometro fermo complessive nelle prime cinque gare, alla sesta ne sono arrivate 19 tutte insieme per Harden, che ha aggiunto anche otto rimbalzi e otto assist a una prestazione decisamente più in linea con quello che a Brooklyn si aspettano da lui. Di gran lunga la migliore in una regular season iniziata a marce basse, viaggiando a poco più di 16 punti di media.

vedi anche

Aldridge entra nel club, ma Harden fraintende

“Non sono 30, ve l’avevo detto”, scherza e sorride a fine partita, ricordando che soltanto qualche giorno fa aveva spiegato che il suo fisico non fosse ancora pronto del tutto per la stagione. “Ripeto sempre le stesse cose: ogni match mi sento meglio, continuo a lavorare anche nei giorni di riposo per riprendere del tutto ritmo e condizione. Di sicuro non cambio il mio modo di giocare”, chiosa il Barba, felice che sia in parte stato modificato il metro arbitrale nei suoi confronti - raccogliendo così la 72^ sfida della sua carriera con almeno 15 liberi tentati, primo all-time in questa speciale classifica (con Moses Malone ben distante a quota 56): “Sono stato aggressivo, nulla più: il primo paio di partite non lo sono stato, ma è questione di ritmo. Per la prima volta oggi ho sentito che le gambe andavano e continuavano a reggere per tutti e quattro i periodi di gioco”. Merito dello stato di forma quindi e nessuna allusione alle scelte arbitrali: una polemica che è meglio mettere da parte, soprattutto dopo una gara da 19 liberi tentati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche