Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Hawks in picchiata, Trae Young ammette: "Regular season noiosa: non sono i playoff"

NBA
©Getty

Il leader di Atlanta prova a dare una giustificazione alle quattro sconfitte dei suoi nelle ultime cinque gare, dopo un inizio positivo. "Oggi non siamo più i cacciatori ma le prede. E le motivazioni delle sfide di playoff sono diverse...". Parole che non piacciono particolarmente al suo allenatore, Nate McMillan

Gli Atlanta Hawks sono stati protagonisti di un bell'inizio di stagione - 3 vittorie nelle prime 4 gare disputate - e poi il crollo. Inatteso, forse anche inspiegabile, anche se una parziale giustificazione arriva - a sorpresa - dal leader degli stessi Hawks, Trae Young: "Si tratta solo di stagione regolare, e non voglio negarlo: è molto più noiosa dei playoff. Occorre trovare le motivazioni come se fossero gare di post-season", ammette Young, che avanza un'altra ipotesi sul difficile momento della sua squadra: "Cacciatori e prede: non siamo più i cacciatori, oggi siamo le prede", dice con riferimento al cambio di percezione attorno agli Hawks, l'anno scorso squadra sorpresa arrivata in finale a Est a fari spenti, quest'anno chiamata a confermarsi ma con i riflettori puntati fin dall'inizio. Intanto però 4 sconfitte nelle ultime 5 gare hanno cambiato l'umore in città.

leggi anche

Atlanta crolla in casa contro Utah: risultati e highlights NBA

Coach Nate McMillan è il primo a non aver per niente gradito alcuni dettagli nel rendimento dei suoi: "D'ora in poi chi non si guadagna i propri minuti sui due lati del campo, attacco e difesa, resta seduto a guardare", ha fatto sapere, non escludendo di apportare qualche cambio anche alla struttura del suo quintetto base. In particolare l'allenatore di Atlanta sembra poco felice dello sforzo soprattutto difensivo dei suoi: "Non si può concentrare tutte le proprie energie su una sola metà di campo: abbiamo bisogno di una scintilla, di qualcuno che scenda in campo e difenda duro per darci la spinta che ci serve". Anche perché ora - dopo il ko interno contro i Jazz - gli Hawks sono attesi a un giro di quattro trasferte a Ovest: Phoenix, Golden State, ancora Utah e Denver. Il calendario non aiuta, ma forse quattro test di questa difficoltà possono aiutare coach McMillan a rendersi davvero conto di che tipo di squadra ha in mano. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche