Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Los Angeles Lakers, infortunio LeBron James: il recupero è più lungo del previsto

L'INFORTUNIO
©Getty

Il n°6 dei Lakers doveva restare fuori “almeno” una settimana, ma in realtà il suo recupero potrebbe essere più lungo del previsto: i tempi di rientro dopo uno strappo addominale di solito variano dalle quattro alle otto settimane - in base all’entità dell’infortunio - e possono allungarsi per atleti con la “fisicità” di James. Riuscirà la squadra di Los Angeles a resistere così a lungo senza di lui?

I risultati non sono stati dei migliori in queste prime tre settimane di stagione per i Lakers, soprattutto nelle partite in cui LeBron James è stato fermato da infortuni - l’ultimo dei quali preoccupa non poco lo staff medico della squadra di Los Angeles. La comunicazione iniziale è arrivata da coach Frank Vogel, che non ha posto una data di rientro, ma ha specificato che il recupero dallo strappo addominale richiede “almeno una settimana di riposo”. Il problema è che potrebbe in realtà volerci molto di più, come ha insegnato il problema all’inguine che tenne fuori LeBron per oltre 40 giorni nella stagione 2018-19. Stando a quanto riportato da Tim DiFrancesco - in passato già trainer ai Lakers - in un interessante post su Instagram, il problema agli addominali è frutto di uno sforzo paragonabile a quello del servizio nel tennis; da quello il parallelo tra la battuta di Serena Williams e la schiacciata di LeBron James. Un dato su tutti però appare il più interessante e sensibile rispetto alla questione Lakers-recupero-problemi: quanto tempo ci vuole per recuperare? Dalle quattro alle otto settimane, non di meno. Un mese di stop quindi, come minimo.

vedi anche

LeBron, stiramento all'addome: fuori una settimana

Come raccontato nel dettaglio dallo stesso trainer a The Athletic, a prescindere dal livello di complicazione dell’infortunio, James difficilmente tornerà in campo prima di qualche settimana: “Soprattutto tenendo conto del modo in cui gioca, è difficile pensare che possa essere in campo in meno di un mese. Ha una fisicità diversa da quella degli altri e questo genere di infortuni possono diventare devastanti: nel caso in cui tornasse in campo troppo presto e se si facesse male di nuovo sarebbe un vero e proprio disastro”. Insomma, anche nel caso le parole di Vogel trovassero conferma nei fatti (“Spero che sia un problema minimo”), bisognerà abituarsi per un po’ all’assenza del n°6 gialloviola. Lo scorso anno per un guaio alla caviglia ha saltato 20 partite e i Lakers non hanno più trovato compattezza nella corsa playoff, nel 2018-19 erano bastate 17 sfide saltate per lasciarsi sfuggire l’opportunità di accedere alla post-season. E se LeBron dovesse tornare in campo soltanto a gennaio? Cosa succederebbe ai Lakers nel frattempo? In quattro partite senza di lui il record è 1-3, con un Westbrook condizionante (in negativo) a guidare le danze. Cercare di stringere i denti senza James sarà obbligatorio, ma tutt’altro che semplice come strada da perseguire.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche