Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Los Angeles Lakers: l'ex Andre Ingram vince 31.750 dollari alla Ruota della Fortuna

L'ANEDDOTO

Il veterano della G-League di 36 anni, in forze ai South Bay Lakers e giocatore gialloviola in NBA sia nel 2018 che nel 2019, è tornato a far parlare di sé con al partecipazione al quiz TV in cui ha vinto oltre 31.000 dollari - devoluti poi a una famiglia bisognosa. L’ennesimo gesto nobile di un giocatore di cui avevamo già parlato in passato

“Ero molto più nervoso a giocare al quiz in TV che non una partita di pallacanestro in NBA”, ha spiegato al termine della puntata de “La Ruota della Fortuna” un sorridente Andre Ingram - veterano che i più attenti appassionati di pallacanestro conosceranno per i suoi trascorsi in G-League (e non solo). La guardia di 36 anni che gioca attualmente con i South Bay Lakers, la squadra della lega di sviluppo collegata a quella gialloviola di Los Angeles, è un vero e proprio veterano della G-League - leader all-time per canestri da tre punti segnati e infallibile con il suo 45% in carriera. Un tiratore di cui avevamo già parlato in passato, quando a 32 anni (sul finire della fallimentare stagione 2017-18 per i gialloviola, con Luke Walton in panchina) riuscì nell’impresa di firmare un contratto di 10 giorni con i Lakers, facendo il suo esordio in NBA in una partita da incorniciare contro Houston in cui segnò 19 punti tirando 4/5 con i piedi oltre l’arco (celebrato tra gli altri a suo tempo anche da Kobe Bryant sui social).

vedi anche

Andre Ingram, la storia di cui parla tutta la NBA

Tornato ai Lakers anche nel finale della stagione successiva (quella 2018-19), Ingram è riuscito a far parlare di nuovo di sé nelle ultime ore per le sue imprese TV: protagonista della puntata de “La Ruota della Fortuna” negli Stati Uniti, Ingram ha vinto 31.750 dollari sui 39.000 disponibili, sbagliando soltanto il quiz finale. Soldi che non terrà per sé, ma che verranno donati a un fortunato telespettatore in difficoltà scelto dallo stesso veterano della G-League. Un gesto nobile come l’animo di un giocatore unico nel suo genere, sceso poi in campo poco dopo la registrazione per 32 minuti nella gara vinta contro gli Stockton Kings - chiusi con 11 punti e 3/7 dall’arco. Un match che gli ha impedito di essere davanti la TV a guardare la messa in onda del quiz a cui ha partecipato, ma di cui certamente gli avranno parlato in molti.