Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, L.A. Clippers: Paul George fuori almeno un mese per un infortunio al gomito

L'INFORTUNIO
©Getty

L’All-Star dei Clippers sarà costretto a fermarsi per almeno quattro settimane a seguito di un problema al gomito che lo tormenta già da inizio dicembre: ennesima defezione in un roster che da inizio anno sta facendo a meno di Kawhi Leonard e che spera di ritrovarlo prima o poi in campo - almeno a sentire le parole di coach Lue

Il legamento del gomito destro di Paul George, che già aveva fatto i capricci nelle scorse settimane, lo ha costretto a fermarsi per almeno un mese, mettendo ancora di più a dura prova le rotazioni della squadra allenata da coach Tyronn Lue - che sta facendo di necessità virtù in una stagione in salita non tanto e non solo a causa del contagio da Covid. Non c’è una tabella prefissata per il rientro dell’All-Star della squadra di Los Angeles, ma la speranza è quella di tenerlo a riposo il più a lungo possibile (provando a reggere a livello di risultati sul parquet anche senza di lui). Un problema che George si trascina dietro dalla sfida contro Portland, che lo aveva costretto a fare riabilitazione per due settimane: un dolore che pareva diventato sopportabile e invece poi esploso a seguito dal match contro Sacramento: un’altra assenza importante che va ad aggiungersi a quelle di Reggie Jackson, Marcus Morris e Isaiah Hartenstein.

vedi anche

Kawhi in anticipo sul recupero: torna quest’anno?

Discorso a parte invece per Kawhi Leonard, fuori da inizio stagiona a causa del problema al tendine del ginocchio da cui sta lentamente recuperando, mantenendo come d’abitudine quando si parla del personaggio, un totale riserbo riguardo le sue condizioni fisiche. Le notizie quindi vanno raccolte in maniera indiretta, ossia ascoltando cosa dice coach Lue a proposito - sincero e senza voler nascondere le sue intenzioni: “Sta molto bene e la condizione fisica migliora”, ha spiegato prima di aggiungere di non volerlo seguire troppo per “non esaltarsi troppo all’idea di un suo possibile rientro”. Sempre basso profilo anche se, ora che manca George, ci sarebbe davvero tanto bisogno anche di lui.