Please select your default edition
Your default site has been set

Kansas rimonta da -16 contro North Carolina e conquista il titolo NCAA

la finale
©Getty

Sotto di 16 lunghezze nel corso del primo tempo, i Jayhawks hanno recuperato nella ripresa contro una North Carolina in netta difficoltà e vinto così il quarto titolo NCAA della propria storia. Alla sirena finale sono 15 punti a testa per McCormack e Wilson, mentre il premio di miglior giocatore della Final Four va a Ochai Agbaji. Serata storica anche per coach Bill Self, che vince il suo secondo titolo NCAA a New Orleans - la città dove ne aveva perso uno in finale nel 2012

KANSAS JAYHAWKS-NORTH CAROLINA TAR HEELS 72-69

È una serata storica per Kansas che conquista il quarto titolo collegiale della sua storia (il primo dal 2008) dopo aver recuperato nel secondo tempo uno svantaggio che nelle prima metà di gara aveva toccato anche le 16 lunghezze - la più grande rimonta completata in una finale NCAA e terminando così in trionfo una battaglia epica tra due dei più famosi programmi a livello universitario degli Stati Uniti. North Carolina, dopo un primo tempo giocato al limite della perfezione e chiuso sul 40-25, naufraga nel finale, non trovando mai il fondo della retina negli ultimi 100 secondi. Ne approfitta così David McCormack, miglior realizzatore per Kansas con i suoi 15 punti e 10 rimbalzi e autore del canestro del sorpasso a poco più di un minuto dalla sirena. Quindici sono anche i punti messi a referto da Jalen Wilson da una parte, mentre a North Carolina non bastano i 15 punti e 15 rimbalzi di un impreciso Armando Bacot (soltanto 3/13 al tiro). Il premio di miglior giocatore delle Final Four invece lo vince un po’ a sorpresa - visto il relativo impatto in finale - il talento più chiacchierato in vista del Draft 2022: Ochai Ogbaji, che chiude con 12 punti e 4/9 dal campo.

vedi anche

Kansas campione: fa festa anche il mondo NBA

Per Kansas è la più dolce delle rivincite, due anni dopo aver dovuto rinunciare (causa sospensione per il COVID) al torneo NCAA del 2020 a cui sarebbero approdati come testa di serie n°1. Una serata speciale anche per Bill Self, che dopo Jim Boeheim a New Orleans (1987 e 2003) e Billy Donovan a Indianapolis (2000 e 2006), diventa il terzo allenatore nella storia del torneo NCAA a vincere un titolo nella stessa città dove ne aveva perso uno in precedenza (2012 e 2022). “Ho detto ai ragazzi che sarebbe bastato giocare meglio e hanno seguito alla lettera il mio consiglio”, spiega ai microfoni a fine partite a chi gli chiede cosa è cambiato negli spogliatoi a metà gara. Serata amara per North Carolina, che prima di questa sfida aveva un record di 46-0 in tutte le partite del torneo NCAA in cui i Tar Heels avevano toccato la doppia cifra di vantaggio all’intervallo lungo: ora è diventato 46-1.