Sofia Goggia, quella promessa a 9 anni: "Sogno di vincere le Olimpiadi di discesa libera"

Olimpiadi
combo_sofia_goggia

La sciatrice azzurra ha postato su Twitter una sua scheda risalente a 15 anni fa in cui sognava di vincere l'oro olimpico di discesa libera. Dopo innumerevoli ore di allenamento la bergamasca può dire, a soli 25 anni, di aver realizzato il suo sogno

A Pyeongchang è stata forse la protagonista assoluta, portando a casa uno dei tre ori conquistati dalla spedizione azzurra alle Olimpiadi invernali 2018. Ora è una delle sportive italiane più amate e celebrate. Sofia Goggia ha confermato in Corea del Sud tutto il talento fatto intravedere nei primissimi anni di agonismo e adesso si gode i meritati elogi. Talento che la sciatrice bergamasca è migliorata grazie a un'incredibile quantità di allenamenti. "Lavoro, lavoro, lavoro" è stato il mantra della sua crescita in pista, sempre focalizzata sull'obiettivo e pronta a ogni sacrificio pur di raggiungerlo. Il sogno è stato sempre lo stesso: ottenere la medaglia più ambita alle Olimpiadi nella specialità della discesa libera. Un punto di arrivo che si è prefissata da quando è scattata la sua passione per lo sci e che ora considera invece solo un altro passo del suo percorso di crescita, tanto grande è l'ambizione e la personalità che ha costruito in questi anni. Concentrazione, uno spirito da guerriera resistente a ogni forma di dolore e voglia di vincere che, tramite una scheda postata dalla Goggia su Twitter e risalente a oltre 15 anni fa, la sciatrice azzurra ha dimostrato di avere fin da piccolina. Gliela sottopose Battista Tommasoni, ex azzurro e allenatore del suo Sci club. Al tempo era una bambina, già consapevole però della propria fame di successi. Nella scheda comparsa sui social della Goggia infatti, scritta il 2 ottobre 2002, la bergamasca affermava di sentirsi bene sia fisicamente e psicologicamente e lo scopo dei suoi allenamenti era quello di ridurre progressivamente tutti gli errori di cui, in maniera onesta, (e non è una cosa da poco a quell'età) si dichiarava colpevole. Per farlo era pronta ad allenarsi tre volte a settimana nel periodo di preparazione e due volte durante i giorni delle gare. Era motivata al massimo all'inseguimento dell'obiettivo, l'oro olimpico in discesa libera, ma non riuscire a raggiungerlo non avrebbe cambiato di una virgola il giudizio che nutriva per sé stessa. Ora Sofia è diventata grande e a 25 anni può dire già di aver realizzato il suo sogno nel cassetto, il primo si spera di una lunga serie. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche