Sei Nazioni, Italia-Galles 7-48. 31^ sconfitta consecutiva per gli azzurri

Rugby
Francesco Pierantozzi

Francesco Pierantozzi

italia galles

Ancora un ko per l'Italia del rugby nel Sei Nazioni: a Roma il Galles si impone 48-7, e si giocherà la vittoria finale nel torneo la prossima settimana. Per gli azzurri è la trentunesima sconfitta consecutiva: l'ultimo successo risale al 2015 in Scozia

Nel box degli allenatori le facce spesso dicono molto, in quello dell’Italia del rugby dicono tutto. Sconforto, impotenza, rassegnazione, e senza esser esperti di psicologia o del linguaggio del corpo. L’Italia perde, e va bene, siamo ormai abituati da 31 partite consecutive nel Sei Nazioni, la cosa non fa notizia, purtroppo, ma il problema è che non si riesce a trovare qualcosa che funzioni davvero, con continuità, con solidità, una speranza su cui lavorare per costruire. L’impegno c’è, la determinazione anche, gli altri sono semplicemente e sempre più forti. Il Galles in mezz’ora si prende non solo la partita ma anche il bonus offensivo, il punto che si ottiene segnando 4 o più mete. Alla fine le mete saranno 7, punteggio pesante per gli azzurri, 7-48, con i gallesi che non mollano niente, difendono alla morte pure sull’ultimo pallone, come se fosse quella decisivo, come si deve fare: mentalità e concentrazione. Dell’Italia resta giusto qualche flash isolato e individuale: la metà di Ioane, un placcaggio di Padovani e uno di Garbisi…pochissimo altro, non una fase di gioco, tipo mischia o rimessa laterale, difesa o gioco al piede, nemmeno un fuoriclasse. Situazione quasi disperata, non si vede  da dove ri-partire. Una questione da mettere subito all’ordine del giorno del nuovo consiglio federale e del nuovo Presidente Marzio Innocenti, un grande azzurro del passato, terza linea e capitano nella prima storica Rugby World Cup del 1987, medico, primo della storia che arriva dalla Nuova Zelanda italiana, parlando di rugby, il Veneto, sebbene sia livornese e padovano, petrarchino, d’adozione. Ha battuto un altro grande ex, Paolo Vaccari, 56,38% contro 40,37 % dei voti, con l’ex presidente, due mandati consecutivi, Alfredo Gavazzi, da Calvisano, Brescia, addirittura al 3.2 %. Auguri, in tutti i sensi. Se il box azzurro è triste, la poltrona del Presidente, di questi tempi, è davvero scomoda.

Il tabellino

Italia: Trulla (4' st Padovani), Bellini, Brex, Canna, Ioane (6' pt Fabiani, 17' pt Ioane, 28' st Zilocchi), Garbisi (14' st Mori), Varney (22' st Violi); Lamaro, Meyer, Negri, Sisi, Cannone (12' st Lazzaroni), Zilocchi (25' pt Mbanda, 32' pt Riccioni), Bigi, Fischetti (25' st Lovotti). All.: Smith.
Galles: Li. Williams, Rees-Zammit, North (6' st Halaholo), J. Davies, Adams, Biggar (12' st Sheedy), G. Davies (12' st Wainwright); Faleteau, Tipuric, Navidi, AW Jones (17' st Carre), Hill, Francis (5' st Brown), Owens (14' st Ball), W. Jones. All.: Pivac.
Arbitro: Brace (Irlanda)
Marcatori: nel pt 2' Biggar cp (0-3), 7' Adams meta tr. Biggar (0-10), 15' Faleteau meta (0-15), 20' Owens meta tr. Biggar (0-22), 29' Owens meta (0-27); nel st 1' North meta tr. Biggar (0-34), 10' Ioane meta tr. Garbisi (7-34), 19' Sheedy meta tr. Sheedy (7-41), 23' Rees-Zammit meta tr. Sheedy (7-48)
Note: al 6' pt cartellino giallo (espulsione temporanea) a Bigi; al 16' st cartellino giallo (espulsione temporanea) a Riccioni. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport