Lo sport diventa cinema: stasera appuntamento con "The Wrestler" su Sky Sport Uno

Sport USA

Stasera alle 21 su Sky Sport Uno il film forse più estremo e vero sulla performance agonistica, con un Mickey Rourke da urlo. Leone d’oro al Festival di Venezia, due nomination agli Oscar e una montagna di altri premi per una storia che racconta l’esistenza attraverso il wrestling. Un commento di Michele Posa e poi tante curiosità celate dietro al film, tra finzione e realtà

"Il wrestling è una disciplina maledetta. Con la gioventù e la prestanza atletica ti senti in cima al mondo. Al sopraggiungere della vecchiaia, per quegli stessi fan che ti adoravano diventi un bidone, un vuoto a perdere. Un relitto di un'epoca antica". Spiega Michele Posa, una delle voci del wrestling di Sky Sport. "Ed è questo il dramma, perché ti senti vivo soltanto quando indossi i panni del tuo alter ego e il resto perde di sapore. Sbiadisce la famiglia, spariscono i buoni propositi, la casa reale, la patria del cuore, l'heimat, altro non è che quel ring, quel boato, quel tuffo dal paletto che sa ancora infiammare gli spalti. 

 

La fragilità dell'uomo trasfigurata dall'invincibile impulso all'arte, anche se quest'ultimo dovesse risultarti fatale. Il film The Wrestler riesce a comunicare questo, e molto di più, attraverso immagini senza compromessi, portandoti là dove l'unica realtà desiderata è un mondo di dolorosa fantasia che oscura una fredda quotidianità che tutto inghiotte in una banalità grigia.

Una vita per il wrestling

“Dicono che il wrestling sia tutta scena” chiede Marisa Tomei a Mickey Rourke in una scena del film. Lui per tutta risposta le mostra le cicatrici (di scena) sul suo corpo “maciullato” dalla vita (vero). Sono loro due i fari illuminanti di un film travolgente sul wrestling, sulla vita e sulla passione per uno sport-spettacolo che fagocita tutto il resto, come ha ben spiegato Michele Posa nel suo commento. Un film sul quale è stato scritto tutto ma che contiene anche molti retroscena autentici legati allo sport di cui parla. A cominciare dal fatto che tutte le scene di wrestling sono state girate in veri e propri eventi di wrestling di fronte ad un pubblico reale.

La scena clou con la rivincita tra Randy "The Ram" Robinson e The Ayatollah è stata registrata in due eventi del Ring of Honor il 14 e 15 marzo 2008. Numerosi lottatori del Ring of Honor hanno anche cameo nel film. Il 9 febbraio 2008, durante il normale evento di febbraio di Combat Zone Wrestling, si sono svolte altre riprese del film nella New Alhambra Arena con la presenza di molti ex allievi della CZW, insieme a Dylan Keith Summers (a.k.a. "Necro Butcher").

the wrestler

Rourke nel mito, per caso

Il regista Darren Aronofsky ha rivelato che Mickey Rourke è stata la sua prima scelta, anche se la produzione voleva Nicolas Cage. Aronofsky ha combattuto per avere Rourke e alla fine ha vinto. Ma a causa della sua natura irregolare dell’attore il finanziamento previsto per il film è stato revocato e il budget ridotto. Lo stesso Rourke inizialmente era riluttante a recitare nel film perché non era un fan della sceneggiatura e non gli piaceva il wrestling. Tuttavia, dopo che Aronofsky gli ha permesso di riscrivere gran parte dei suoi dialoghi, Rourke ha accettato.

 

"The Wrestler", in onda stasera alle 21 su Sky Sport Uno e giovedì 21 maggio alle 18.45, è stato proiettato alla Mostra del cinema di Venezia appena due giorni dopo la conclusione del montaggio e ha vinto il Leone d’oro come miglior film. Mickey Rourke sarebbe stato il migliore attore designato ma una vecchia regola del festival proibisce che un film possa vincere entrambi i premi. Perciò Rourke si è felicemente accontentato di essere finalmente la star di un film vincitore di premi e lui stesso un “vincitore morale”. Rourke ha ricevuto le sue prime nomination agli Oscar e ai Golden Globe per questo film.

La gloria è stata superiore al guadagno. L’attore è stato pagato centomila dollari per il ruolo e ha chiesto di ricevere parte di quel salario in contanti in un sacchetto di carta marrone.

Rourke

Tra finzione e realtà

Il videogioco a cui Randy gioca con il suo piccolo vicino è stato creato appositamente per il film, poi sviluppato completamente, ma nel film gli effetti sonori provengono dal gioco Pac Man di Atari. Visivamente il gioco presenta una grafica simile al gioco Nintendo WWF WrestleMania (1989) originale.

 

La scena in cui un fan consegna a "The Ram" la protesi della sua gamba per colpire il suo avversario si basa su un evento reale di uno incontro ECW in cui un fan ha ripetutamente urlato "usa la mia gamba" e alla fine ha lanciato la sua protesi a Tommy Dreamer, che a sua volta l'ha usato sul suo avversario.

Secondo quanto riferito, il film ha commosso così tanto il wrestler Roddy Piper che è scoppiato in lacrime dopo una proiezione.

Le vecchie foto di wrestling di The Ram nel suo periodo di massimo splendore sono in realtà le foto dell'ex wrestler Larry Pfohl (a.k.a. “Lex Luger”).

Scott Siegel, l'attore che ha interpretato un rivenditore di steroidi nel film, è stato arrestato pochi mesi dopo l'uscita del film per possesso di steroidi e aggressione a funzionari federali.

the wrestler

Il wrestling e "The Wrestler"

Afa Anoai ("The Wild Samoan"), Hall of Famer del World Wrestling Entertainment, ha formato Mickey Rourke e ha coreografato le partite. Sua figlia, Vale Anoai, ha avuto il piccolo ruolo di farmacista nel film.

 

Ernest Miller, che interpreta Ayatollah, era lui stesso un wrestler professionista. Conosciuto come Ernest "The Cat" Miller, ha lottato nel World Championship Wrestling dal 1997 fino a quando la società non ha chiuso nel 2001 e successivamente in World Wrestling Entertainment.

 

Randy "The Ram" Robinson condivide le caratteristiche delle due più grandi icone di wrestling degli anni '80: Hulk Hogan e Randy 'Macho Man' Savage (Randy Savage). L'aspetto di The Ram, con i lunghi capelli biondi, il fisico eccezionale e l'uso di steroidi, è ovviamente Hoganesque, mentre il "Ram Jam" (un doppio avambraccio volante che spezza la corda superiore) è ispirato al "Flying Elbow" di Savage. La sfida di Ram ad Ayatollah si ispira a quella di Hogan a Khosrow Vaziri (alias "The Iron Sheik") che lo rese un venerabile superstar e il volto del wrestling degli anni '80 e dei primi anni '90.

Il film e la prova di Mickey Rourke come attore protagonista sono stati celebrati dalla società di wrestling più famosa al mondo, World Wrestling Entertainment (WWE, precedentemente nota come World Wrestling Federation o WWF). Al 25 ° anniversario di WrestleMania (2009), Rourke stesso è stato ospite all'evento (ovviamente non come lottatore).

the wrestler

SPORT USA: SCELTI PER TE