29 gennaio 2017

Nadal si inchina a Federer: il meglio della finale

print-icon
nad

LIVE-BLOG. Ancora lui: Federer sul cemento di Melbourne festeggia il 18esimo Slam della propria carriera, Nadal crolla al quinto set. Finisce 6-4, 3-6, 6-1, 3-6, 6-3 per lo svizzero

LA CRONACA WEB DELLA FINALE DEGLI AUSTRALIAN OPEN

Roger Federer ha vinto per la  quinta volta in carriera l'Australian Open, prima prova stagionale del Grande Slam. Lo svizzero (n.17 del mondo e del tabellone, ha sconfitto in finale al quinto set il suo storico rivale Rafael Nadal (n.9 del ranking Atp) con il punteggio di 6-4, 3-6, 6-1, 3-6, 6-3. Per lui si tratta del 18esimo titolo dello Slam in carriera, il primo da Wimbledon 2012, il 12esimo successo in 35 confronti diretti con Nadal. ORA SU SKY SPORT3 LO SPECIALE ROGER FEDERER

Primo set a Federer - Si apre nel segno di Nadal ma si chiude in quello di Federer, il primo set: nel game d'apertura Rafa parte bene al servizio lasciando a zero lo svizzero, ma Roger fa lo stesso riportando subito la situazione in parità. Si va avanti così fino al 3-3, quando Federer dopo un game perfetto guadagna le prime palle break e non si fa scappare l'occasione, passando davanti 4-3. Servizio impeccabile per Roger: è proprio questo a fare differenza nel primo set. 5-3 per Federer, Nadal rimonta portando il match sul 5-4 ma con un ace lo svizzero dopo appena 34 minuti chiude i conti 6-4.

La riscossa di Nadal - Proprio il servizio tradisce Federer nel secondo set: nemmeno un ace, limite che contro Nadal non puoi permetterti di avere. Lo spagnolo infatti centra break e contro break, portandosi in vantaggio addirittura 4-0. Roger accorcia le distanze, ma in questo momento è la rotazione del dritto di Rafa a incidere maggiormente e in poco più di un'ora mette in archivio il secondo set 6-3.

Federer davanti - Sei ace in due game di battuta, tre palle break annullate in apertura: Federer strappa il servizio a Nadal e si riporta subito avanti. Il servizio resta fondamentale: sono 11 i punti di fila sul servizio con cui passa sul 4-1. Il set finisce 6-1, dopo poco meno di due ore di match (elemento che gioca decisamente a favore di Roger) lo spagnolo è ancora costretto a inseguire.

La risposta di Rafa - Ma Nadal non muore mai, la reazione d'orgoglio dello spagnolo non si fa attendere: è lui ad aggiudicarsi il quarto set 6-3 giocando il suo miglior tennis. Come nella finale del 2009, è la sesta volta che un match tra i due grandi rivali finisce al 5°.

Il trionfo di Federer - Nel quinto e decisivo set le due leggende del tennis danno il meglio. Comincia bene Nadal, che dopo essersi preso il primo game tira fuori il meglio nelle palle break, andando a comandare 3-2. Federer non ci sta: alza il ritmo, pareggia i conti portandosi sul 3 pari e con il servizio (un ace subito, uno sulla seconda in chiusura) va sul 4-3. A questo punto i due giocano il game più spettacolare del match, che sembra infinito: nessuno è disposto a cedere nemmeno un centimetro, quasi tutti gli scambi meritano la standing ovation. La spunta Federer, che va a servire per il match. E non fallisce: lo chiude 6-3 dopo meno di 4 ore di gioco, festeggiando a quasi 36 anni il 18esimo Slam della carriera e il ritorno nella top 10 mondiale.

WIMBLEDON 2017, TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Tutti i siti Sky