Roberta Vinci a Sky: "La mia vittoria con Serena esempio di resilienza"

#casaskysport

Roberta Vinci, ospite a Casa Sky Sport, ricorda la semifinale vinta a New York contro Serena Williams: "È un esempio di resilienza in questi giorni difficili, dove bisogna lottare e non mollare per uscirne vincitori". Sul momento del tennis attuale: "Mi piace Sinner, il mio preferito è Federer"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Roberta Vinci è stata ospite di Casa Sky Sport. L'ex tennista tarantina, cinque titoli Slam vinti in doppio e quattro Fed Cup con la maglia della Nazionale, ha ricordato la storica semifinale degli US Open 2015 vinta contro Serena Williams, esempio di resilienza in questo momento complicato per l'Italia a causa dell'emergenza coronavirus: "La mia partita con Serena è stata un esempio di resilienza: vincere non da favorita contro una grandissima giocatrice. Anche adesso, in questo periodo complicato, bisogna cercare di non mollare, lottare per uscirne vincitori, rispettando sempre le regole". Quell'avventura a New York si fermò solo in finale contro l'amica Flavia Pennetta: "La finale di New York è stata un'emozione incredibile - ha detto -. Fu un partita difficile dal punto di vista emotivo, quelle due settimane sono state fantastiche anche se ho perso. Giocare con Flavia non è stata facile, ha vinto lei perché ha meritato. E' stata un'avventura meravigliosa. L'energia sprecata con Serena in semifinale è stata tanta, ma non ero stanca". 

Vinci: "Federer il mio preferito. Mi piacerebbe allenare"

Roberta Vinci non esclude un suo ritorno nel tennis professionistico come allenatrice: "Il tennis fa ancora parte della mia vita, mi piacerebbe aiutare qualcuno in qualità di allenatore, ma anche entrare nello staff della Federazione. Non escludo nulla. Se dovessi scegliere una donna da allenare adesso direi Garbine Muguruza". Tra i giocatori attuali, l'ex numero 7 del mondo indica il fenomeno azzurro Jannik Sinner: "Sinner mi piace da punto di vista tecnico e da quello mentale. Sembra di vedere un giocatore esperto, nonostante l'età. E' fantastico per il nostro tennis avere un giocatore simile. Gli auguro di diventare il più forte giocatore italiano". Nella speciale classifica del cuore, invece, il primo posto è occupato da un altro fenomeno: "Fra i 'big 3' preferisco Federer: Roger è il tennis. E' bello tecnicamente, è perfetto. Questo stop può aiutarlo a recuperare e stare bene fisicamente, per una ripresa migliore dopo l'intervento al ginocchio". 

 

TENNIS: SCELTI PER TE