Internazionali di Roma, Fognini: "Rieccomi". Berrettini: "Che emozione giocare a casa"

INTERNAZIONALI
©Getty

Fabio Fognini e Matteo Berrettini debutterranno al secondo turno degli Internazionali, da settima e quarta testa di serie del torneo. Il romano giocherà in casa: "Sempre molto emozionante giocare al Foro Italico, se penso che fino a qualche anno fa avevo bisogno di una wild card...". Il ligure rientra dopo un lungo stop: "Non sono ancora al 100%, ma l'importante ora è essere qui"

INTERNAZIONALI, I RISULTATI DEL 1° TURNO

 

Cresce l'attesa per il debutto di Fabio Fognini e Matteo Berrettini agli Internazionali BNL d'Italia. Le due stelle del tennis azzurro esordiranno al secondo turno, rispettivamente da settima e quarta di serie del torneo. "Fogna" è reduce da un periodo di stop dopo l'operazione a maggio di entrambe le caviglie che ormai da mesi lo tormentavano. La decisione drastica era arrivata in seguito ai primi allenamenti post-lockdown, in cui i fastidi si erano fatti sempre più persistenti, nonostante il riposo forzato. "Sono contento soprattutto di essere rientrato - spiega ai microfoni di Sky Sport - questa è la cosa positiva. È stato un periodo molto duro, perché tra il virus e l'operazione sono stato fermo molto tempo. Però sono felice di essere tornato. Non sono il Fognini che vorrei essere, sono qui, uno dei tanti... e spero di tornare ai miei livelli giorno dopo giorno. Mi sento ancora competitivo e sento di poter fare tanto. Se penso che fino a due mesi fa dovevo camminare con le stampelle... È evidente che soffra ancora i cambi di ritmo, devo lavorare molto sul mio di livello di reattività e velocità. Ma nessuno mi ha mai regalato nulla e cercherò di riprendermi il tempo perduto come ho sempre fatto". 

 

Berrettini: "Che emozione giocare a casa"

Per Matteo Berrettini, romano, il Foro Italico non può che essere un posto magico, speciale. E il 24enne ci torna da n. 8 del mondo: "Mi fa strano, se penso che fino a qualche anno fa avevo bisogno di una wild card... Ci sono state delle defezioni nel calendario e non mi aspettavo di essere così avanti nella classifica, però le aspettative e le tensioni a Roma sono sempre le stesse, l'obiettivo qui è sempre di fare bene". L'anno scorso, al secondo turno, aveva affrontato e battuto Sascha Zverev, sconfitto da Dominic Thiem nella finale degli ultimi Us Open, dove Matteo - semifinalista nel 2019 - è stato eliminato al terzo turno dal russo Rublev. "Non voglio mai pormi dei limiti, soprattutto quando gioco a casa, con le persone che ti hanno visto crescere, è una emozione indescrivibile. Quest'anno sarà un po' diverso, ci sarà solo il mio team, però mi guarderanno da casa e speriamo di farli emozionare davanti alla tv". Sul cambio di superficie, dal cemento di New York: "È un passaggio difficile, non gioco una partita sulla terra da più di un anno, dal Roland Garros del 2019. So che sarà complicato, sarà una battaglia. Sulla terra è diverso, il mio servizio paga un po' meno, dovrò usare di più le traiettorie, ma stare qui è un grande stimolo per me". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche