Federer rinuncia al torneo Atp di Dubai: "Meglio tornare ad allenarmi"

Tennis

Il tennista svizzero ha deciso di ritirarsi dal prossimo torneo di Dubai. "Preferisco tornare ad allenarmi" ha scritto sui social. L'obiettivo è arrivare al 100% per Wimbledon, ma potremmo rivederlo in campo prima su terra

Un ritorno in campo atteso un anno: a Doha la vittoria in 3 set contro Evans, poi l'uscita di scena dal torneo contro Basilashvili dopo aver sprecato un match point. Non erano i risultati ciò che interessava a Roger Federer, ma la tenuta fisica dopo una così lunga assenza: un ritorno lungo e difficile, con la muscolatura quasi da ricostruire. Motivo per cui il tennista svizzero ha deciso di rinunciare al prossimo Atp di Dubai per continuare a lavorare e presentarsi in forma ai prossimi appuntamenti stagionali. È stato lo stesso 'King Roger' ad annunciarlo con un post sui social.

Il post di Federer: "Mi ritiro dal torneo di Dubai"

"Tornare a giocare nell'ATP Tour è stato bellissimo, mi sono goduto ogni minuto passato a Doha - ha scritto il 39enne su Instagram -. Un grande ringraziamento al miglior team, il più leale del mondo che mi ha aiutato ad arrivare fin qui. Ho deciso che è meglio tornare ad allenarmi e quindi mi sono ritirato dal torneo di Dubai della prossima settimana".

Il programma di Federer

approfondimento

Federer eliminato da Basilashvili ai quarti

Dopo aver rinunciato all'Australian Open ("avrei potuto giocarli, ma non avrei avuto possibilità di vincere quindi non c'era motivo di andarci"), Federer punta dritto a Wimbledon. "Sento di non essere ancora al 100%, ma l’importante sarà esserlo per la stagione su erba - spiega in conferenza stampa -. Potrebbe succedere prima, ma sarebbe una sorta di bonus“. Certa la sua non partecipazione al Masters 1000 di Miami, prima dello Slam nel Regno Unito potremmo comunque rivedere lo svizzero in campo per mettere minuti nelle gambe. "La cosa importante è giocare partite, e prima dell’erba viene la terra - afferma il tennista elvetico -. Se avrò bisogno di giocare partite non avrò scelta che giocare sulla terra. Potrebbe essere un bene o un male per me, ma alla fine credo che qualche partita la giocherò. Farò qualsiasi cosa possa aiutarmi ad essere al 100% per la stagione su erba“.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche