Miami, Sinner a Sky dopo la finale raggiunta: "No festeggiamenti, c'è un'altra partita"

miami
©Ansa

Sinner in finale a Miami. Dopo aver battuto Bautista Agut (5-7 6-4 6-4) conquistando la prima finale di un Masters 1000 in carriera, il 19enne azzurro ha evidenziato a Sky: "Vincere il game sul 3-3 del 2° set mi ha dato la spinta. La forza la devo ai miei genitori. Ma non è ancora tempo di festeggiare, c'è un'altra partita". Domani alle ore 19 (diretta Sky Sport Arena e su Sky Sport Uno al termine del gran premio di MotoGP) la finale con Hurkacz

SINNER-HURKACZ LIVE - GLI HIGHLIGHTS DELLA SFIDA SINNER-BAUTISTA

 

Il sapore della vittoria stavolta "è incredibile". Perché a 19 anni Jannik Sinner la sua scalata alla prima finale in un Masters 1000 l'ha messa a segno come solo i campioni sanno fare: in rimonta e contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut, testa di serie numero sette al torneo in Florida e protagonista dell'eliminazione del favorito, Daniil Medveded. Insomma un ostacolo contro il quale serviva un'impresa e l'azzurro ce l'ha fatta, tirando fuori non solo freddezza, ma colpi-show e un servizio potente che hanno messo in difficoltà lo spagnolo. Finisce 5-7 6-4 6-4 dopo quasi due ore e mezza di battaglia. Domenica alle ore 19 (diretta Sky Sport Arena e su Sky Sport Uno al termine del gran premio di MotoGP), la finale contro il polacco Hubert Hurkacz, che ha battuto Rublev 6-3, 6-4.

approfondimento

Fenomeno Sinner: è finale! Bautista ko in tre set

"Non era una partita semplice- le parole del talento azzurro a Sky - quando recuperi il break nel primo set e poi lo perdi, non è facile e devi entrare con la mentalità giusta nel secondo". E proprio nel secondo set, Sinner indica il momento chiave della partita: "Ero sul 3-3, sotto 0-40. Vincere quel game mi ha dato una spinta. Sono felice di giocare un'altra partita qui a Miami. La mia forza arriva tanto dai miei genitori, che lavorano tutti i giorni. Mio papà è cuoco, mia madre è cameriera: entrambi mi hanno trasmesso il rispetto per il lavoro e il dare sempre il massimo. Quando sono andato da Riccardo (Piatti, n.d.r.) a 14 anni, la mia vita è cambiata, perchè prima giocavo a tennis due volte a settimana, poi ho inizato ad allenarmi mattina e pomeriggio". Per quanto riguarda i festeggiamenti, discorso ancora rimandato, come ribadisce lo stesso Sinner: "C'è ancora una partita da giocare, vediamo dopo cosa succede. Poi andiamo sulla terra ad allenarci, quindi festeggiare è una parola grossa. Arriverà la mia ragazza a Monaco, starò con il mio team e sentirò i miei genitori". Ad una cosa il nuovo fenomeno del tennis italiano non rinuncia, anche prima di una finale così importante, il dolce dopo cena: "Lo prendo tutte le sere, sia che vinca o perda".  E sul prossimo avversario, il polacco Hurkacz, aggiunge in conferenza: "Abbiamo giocato il doppio a Dubai, è il mio miglior amico sul circuito. Qualche volta ci alleniamo insieme. Poi alla fine ognuno va in campo per vincere e le amicizie restano fuori. In questo sport c’è spazio per un solo vincitore". Parole chiare: il sogno Miami continua.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.