Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 gennaio 2009

Il "bushista" Armstrong: sono ottimista su Obama

print-icon
lan

Lance Armstrong al termine della seconda tappa del Tour Down Under

Il texano della Astana, 68° in generale al Tour Down Under, è fiducioso: "Un presidente affascinante, mi dà speranza nella lotta al cancro. La corsa in Australia? Va veloce e i ragazzi sono forti. Mi ci vorrà un po' di tempo per adattarmi alla velocità"

Lance Armstrong, tornato alle gare un paio di giorni fa nel Tour Down Under in corso in Australia, si è detto fiducioso che il nuovo presidente Usa, Barack Obama, possa rispondere favorevolmente alla sua richiesta di intensificare la  lotta contro il cancro.

Il sette volte vincitore del Tour de France, 10 anni fa dichiarò come si sa di essere malato di cancro ai testicoli, ma riuscì a vincere la propria battaglia e a tornare vittoriosamente alle competizioni. Armstrong adesso auspica che prosegua un dialogo "positivo", iniziato con  Obama, per rafforzare la campagna contro il cancro, condotta attraverso la sua fondazione Livestrong.

"Durante i nostri tre o quattro incontri, Obama è stato affascinante, intelligente, e questo mi ha dato speranza. So che ha perso la madre e la nonna a causa del cancro", ha detto  Armstrong. "Per gli Stati Uniti e il mondo è un periodo fondamentale, un momento di speranza e di ottimismo, ha aggiunto. "Io sono  molto ottimista, come americano e come superstite del cancro". Armstrong ha anche dichiarato la scorsa settimana di aver chiesto, ma senza successo, all'ex presidente George W. Bush di destinare un miliardo di dollari per la lotta contro il  cancro.

LA SECONDA TAPPA - Volata tutta australiana nella seconda tappa del Tour Down Under, la Hahndorf-Stirling di 145 chilometri. Allan Davis ha battuto in uno sprint a due Graeme Brown, terzo a 2" lo svizzero Martin Elmiger. Lo statunitense Lance Armstrong ha chiuso in gruppo, quarantacinquesimo a 13", mentre Mauro Santambrogio è stato il migliore degli italiani, settimo a 4".

In classifica generale guida ora Allan Davis con 3" sul tedesco André Greipel e 4" su Graeme Brown. Domani la terza tappa, 136 chilometri da Unley a Victor Harbor. Armstrong è 68esimo in generale con un distacco di 23". Dopo aver tagliato il  traguardo, lo statunitense dell'Astana ha spiegato così le  difficoltà incontrate, partendo da quel tentativo di fuga: "Forse non è stata la cosa più intelligente da fare, ma ho semplicemente preso la ruota di un altro e mi sono ritrovato in un piccolo gruppo". Nella  tappa odierna, con un circuito finale da percorrere quattro volte, non mancavano i tratti in salita. "La corsa va veloce e i ragazzi sono  forti", ha aggiunto il 37enne texano. "Si fa molta fatica. Mi ci vorrà un po' di tempo per adattarmi alla velocità e credo che la  giornata di oggi possa confermare questa mia sensazione".