Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 maggio 2012

Nuoto, la Pellegrini si conferma imbattibile: oro nei 200sl

print-icon
fed

Federica Pellegrini mostra felice l'oro vinto nei 200 stile agli Europei di Debrecen (Getty)

Agli Europei di Debrecen la veneta, dietro fino alla virata dei 150 metri, si è confermata la più forte di tutte con un grande finale. Argenti per Scozzoli, Barbieri e 4x200 sl uomini. Rivolta bronzo nei 100 farfalla

Federica Pellegrini si conferma la numero 1 in Europa nei 200 stile libero. L'azzurra ha vinto l'oro nuotando in 1'56''76. Dietro fino ai 150 metri, la veneta ha bruciato la tedesca Lippok con una parte finale di grande rilievo. Terza la francese Etienne. Ai piedi del podio, quarta, l'altra italiana Alice Mizzau con 1'58"39. "Sono molto contenta: sembra scontato che io abbia vinto i 200 stile, ma per me è una conferma importante. Dal 2008 sono imbattuta su questa distanza e spero di esserci ancora tra due mesi". Federica Pellegrini si gode l'oro nei 200 stile agli europei di Debrecen, dopo quello confezionato con la staffetta. "In termini cronometrici sono soddisfatta sì e no - ha detto la campionessa azzurra - ma mi trovo nella condizione di mezzo, non ho scaricato del tutto e per me è la situazione peggiore. Ma sono soddisfatta perchè restiamo sempre lì e spero di starci anche a Londra: siamo agli sgoccioli e non vedo l'ora di andare ai Giochi e vedere cosa succede".

Seconda medaglia d'argento per Arianna Barbieri. Dopo il secondo posto nei 100, la dorsista azzurra chiude seconda in 28"31, ex aequo con la croata Jovanovic, anche nei 50. L'oro è andato alla spagnola Mercedes Peris Minguet (28"25). Buone notizie anche dal nuoto al maschile grazie ad un favoloso Matteo Rivolta: l'azzurro, alla sua prima finale importante, conquista il bronzo nei 100 farfalla agli Europei di Debrecen nuotando in 52"40. L'oro va al serbo Milorad Cavic che con 51''45 stabilisce il nuovo primato dei campionati beffando l'idolo di casa Cesh, argento. Soltanto argento per Fabio Scozzoli nei 50 rana, che due anni fa a Budapest conquistò l'oro in questa disciplina. L'azzurro ha chiuso in 27"49 nella gara che il serbo Damir Dugonjic ha vinto in 27"32. Bronzo al greco Panagiotis Samilidis (27"64). Quarto, ad un solo centesimo dal podio, Mattia Pesce (27"65). Sfiora il podio anche Sebastiano Ranfagni, il toscano chiude quarto nella finale dei 200 dorso. L'ultima gara del programma della giornata poi regala un'altro argento all'Italia. La staffetta 4x200 azzurra maschile, (Maglia, Maestri, Pizzetti, Magnini), chiude seconda alle spalle della Germania in 7’13’’10, beffando i padroni di casa dell'Ungheria, bronzo.

Batterie -
Nelle qualificazioni sorride Marco Orsi che strappa il pass per la finale nei 50 sl con il terzo tempo: 22''22. Male invece Chiara Boggiato, Alessia Polieri e Andrea Rolla che mancano la qualificazione alla finale dei 50 rana, 200 farfalla e 50 stile libero.