Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 febbraio 2013

Schladming, la Supercombinata uomini per un'altra medaglia

print-icon
chr

Innerhofer spera di replicare questa scena nella supercombinata maschile

Lunedì prova di discesa alle ore 12 e manche di slalom alle 18.15, alla luce dei riflettori. L'Italia manda in pista Christof Innerhofer, Dominik Paris, Siegmar Klotz e Matteo Marsaglia per difendere l'argento e il bronzo vinti due anni fa a Garmisch

Altra occasione per l'Italia per andare a medaglie: lunedì ai Mondiali di Schladming c'è la supercombinata uomini. Prova di discesa alle ore 12 e manche di slalom alle 18.15, alla luce dei riflettori. L'Italia manda in pista Christof Innerhofer, Dominik Paris, Siegmar Klotz e Matteo Marsaglia.

Gli azzurri devono difendere l'argento e il bronzo vinti due anni fa ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen da Innerhofer e da Peter Fill. Ma quest'ultimo non sarà in pista. Domenica, allenandosi in slalom, si è reso conto che proprio non riesce a tenere nel pugno sinistro il bastoncino, strumento che nello speciale è molto più importante che in discesa o supergigante. Il tutto come conseguenza della brutta caduta di Fill nella discesa di Kitzbuehel.

Con  i dati di Garmisch in mano, gli azzurri hanno certo possibilità di andare a medaglia. Ma non sarà, come sempre, facile. I rivali sono anche in questa gara tanti e tutti quotatissimi. A partire dal norvegese Alex Svindal, campione in carica, per passare al francese (ah, i francesi!) Alexis Pinturault e al croato Ivica Kostelic, slalomista eccellente ma in netto miglioramento anche in discesa dove lo allena l'ex azzurro Kristian Ghedina. Poi, al solito ci sono anche gli svizzeri con Silvan Zurbriggen e gli austriaci che faranno di tutto per tentare di uscire dal buco grigio in cui sono piombati: solo un bronzo donne nel Mondiale di casa loro. Un gran talento per la supercombinata gli austriaci per la gara di lunedì l'avrebbero, ed è Marcel Hirscher. Ma hanno deciso, come salvatore della patria, di non farlo rischiare in discesa e  di mandarlo in pista solo in gigante e speciale, le sue discipline preferite. Insomma: non sarà una gara facile.

Come ormai è chiaro da alcune stagioni, la supercombinata viene decisa soprattutto dalla manche di slalom dove gli specialisti riescono a dare distacchi notevoli a chi tale non è. In discesa, invece, salvo eccezioni sempre possibili, i distacchi sono generalmente più ridotti. A far la differenza in slalom c'è che si gareggia sulla mitica Planai (quella dove in cdm si gareggia di sera con la Nightrace che attira regolarmente 50 mila spettatori) con il suo terribile muro ultraripido e con un fondo che sarà gelatissimo: errori ed inforcate sono così quasi nell'ordine naturale delle cose. E dunque, tutto sarà possibile.