Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
31 gennaio 2014

SOTTOZERO a Dobbiaco: dove detta legge il fondo

print-icon
dob

Il paesaggio sotto la neve di Dobbiaco (Foto Getty)

120 km di piste con vista sulle Tre Cime di Lavaredo: qui c'è solo il meglio della disciplina, per numero e tipologia dei tracciati. Ma, per chi voglia appendere gli sci al chiodo, c'è spazio anche al divertimento con racchette, pattini e persino birilli

Tutto sulle piste
Dobbiaco serve i suoi ospiti con 120 km di piste, riservate soprattutto allo sci di fondo. Tra i tracciati principali quello che collega per 30 km Dobbiaco a Cortina d'Ampezzo, regalando una vista fantasca sulle Tre Cime di Lavaredo. Da segnalare il nuovo stadio Nordic Arena con piste da sci di fondo di diversi livelli, piste di skyroll e la parete di roccia indoor più alta d'Italia. Come alternativa allo sci, in zona si trovano diversi sentieri da percorrere con le racchette, oppure al lago di Dobbiaco, oltre al pattinaggio, si può giocare a birilli sul ghiaccio. Per i più romantici (e pigri) sfiziosa l'idea di una gita in slitta, trainata da cavalli attraverso il paesaggio innevato.

Tutto su Dobbiaco
Dobbiaco, la porta delle Dolomiti, apre su gli scenari fiabeschi delle valli S. Silvestro e Santa Maria. Qui si possono visitare la casa di Gustav Mahler, la chiesa barocca di S. Giovanni Battista e la latteria con le specialità del marchio Alto Adige. Un luogo di leggende intrise di amore e sofferenza, dal tormentato legame di Baldassare ed Emerenziana alla penitenza di Cristoforo di Herbst che, colpevole della morte di un mendicante nelle segrete del suo castello, fece voto di portare al collo una catena di ferro. Tornando ai giorni nostri, Dobbiaco è un comune virtuoso dove la produzione di energia rinnovabile supera il fabbisogno grazie a un mix di solare fotovoltaico, di mini-idroelettrico e di teleriscaldamento.