Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
06 marzo 2014

Pistorius, il legale: "Rumori? Colpi per abbattere la porta"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Quarta giornata del processo all'atleta accusato di aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp. La difesa ha sentito il testimone Charl Johnson cercando di smontare l'accusa, secondo cui i colpi uditi sarebbero stati gli spari del suo assistito

Quarto giorno di udienza per il processo a Oscar Pistorius, accusato di aver ucciso la sua fidanzata Reeva Steenkamp. A parlare in Aula a Pretoria sono stati Barry Roux, avvocato a capo della difesa, e il testimone Johan Stipp, vicino di casa di Pistorius.

Non furono spari, ma colpi per abbattere la porta - Il legale dell'atleta Barry Roux ha cercato di smontare la tesi secondo cui i rumori uditi dal vicino di casa di Pistorius Charl Johnson non fossero altro che i colpi per buttare giù la porta del bagno chiusa dall'interno. Inoltre, Roux ha spiegato come le urla udite fossero quelle del suo assistito smentendo si trattasse della voce di una donna perché dal bagno è impossibile che il vicino abbia potuto udire delle urla.

Pistorius è rimasto sempre accanto a Reeva - Poi è stata la volta di un nuovo teste, Johan Stipp, un vicino di casa di Pistorius, che ha ricordato i momenti concitati di quella sera del 14 febbraio. Fu lui il primo a recarsi sul posto, dopo aver sentito gli spari. Stipp ha raccontato di aver trovato Reeva a terra, colpita mortalmente, e accanto Pistorius: "Oscar era lì, piangeva e pregava che Reeva venisse salvata. Continuava a ripetere che avrebbe dedicato la sua vita e quella di Reeva a Dio se fosse sopravvissuta", ha dichiarato in Aula. Mentre il medico descriveva quanto accadde quella sera, fornendo dettagli grafici, Pistorius ha abbassato la testa, si è messo le mani sulle orecchie e ha iniziato a piangere.