Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
13 aprile 2014

Coppa del Mondo, l'Italia della ritmica centra il triplete

print-icon
far

La gioia delle Farfalle, che hanno letteralmente sbancato alla World Cup di Pesaro

Dopo il primo posto nella classifica “al-around”, le Farfalle azzurre vincono anche le finali di specialità “10clavette” e “3palle/2nastri”. Ad impreziosire la tre giorni azzurra a Pesaro è arrivato anche un bronzo nella categoria Juniores

di Chiara Lavarello

L’inno di Mameli che riempie l’aria del palazzetto due volte nello stesso pomeriggio fa un certo effetto, anche se il “cappotto” nel concorso generale poteva far sperare in un epilogo tutto d’oro. Le Farfalle Marta Pagnini, Andrea Stefanescu, Camilla Bini, Camilla Patriarca, Valeria Schiavi e Sofia Lodi conquistano anche le finali di specialità di Coppa del Mondo, centrando un fantastico triplete.

Sono azzurri anche i quattro migliori parziali di giornata, ovvero le valutazioni dell’esecuzione e delle difficoltà di ogni esercizio, a conferma dell’altissimo tasso tecnico delle prove. E nonostante un meccanismo di rotazione agli attrezzi penalizzante, con due ingressi in pedana a distanza molto ravvicinata. “Le ragazze hanno avuto a malapena il tempo di asciugarsi il sudore ed erano di nuovo in gara” sottolinea l’allenatrice azzurra Emanuela Maccarani. Ma la nostra squadra ha saputo mantenere alta la concentrazione ed è riuscita a portare a casa due esecuzioni sporcate solo da un paio di imprecisioni.

Il punteggio alle 10 clavette (17.550) permette alle Farfalle di tenere a debita distanza l’eterna rivale Bielorussia, pulita nell’esecuzione ma poco impattante. Le campionesse del mondo in carica sono più fallose del solito e rimangono addirittura fuori dal podio nella seconda finale. Ispirate e convincenti invece le prove di Israele, due esercizi puntati sul sincronismo e sulla ritmicità che valgono il bronzo alle clavette e l’argento alle palle e nastri grazie ad un brillante 17.250 superato solo dall’Italia (17.400). Si fa strada sul podio anche il Giappone made in Russia, da anni le ginnaste del Sol Levante si allenano a San Pietroburgo e l’impressione è che la trasferta inizi a dare i giusti frutti.

Ad impreziosire la tre giorni azzurra di Coppa del Mondo è arrivato anche un bronzo nella categoria Juniores, conquistato dalla giovane Letizia Cicconcelli nella finale alla palla. Nuove Farfalle crescono. L’Italia della ritmica vola sempre più in alto.