Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
23 giugno 2016

Europei, Italia d'argento nel fioretto maschile

print-icon
fio

Argento per Cassarà, Baldini, Avola e Garozzo agli Europei di scherma in Polonia (Foto da Twitter @Federscherma)

A Torun, in Polonia, arriva la terza medaglia per gli azzurri. Il quartetto composto da Andrea Cassarà, Andrea Baldini, Giorgio Avola e Daniele Garozzo esce sconfitto dalla finale contro la Russia: 45-42 il punteggio

Arriva la terza medaglia azzurra ai campionati europei di scherma in corso a Torun. Sulle pedane polacche, l'Italia conquista la medaglia d'argento nella gara a squadre di fioretto maschile, che si aggiunge all'oro vinto da Arianna Errigo nel fioretto femminile ed al bronzo di Giorgio Avola nella prova maschile. Il quartetto azzurro composto da Andrea Cassarà, Andrea Baldini, Giorgio Avola e Daniele Garozzo, dopo un ottimo percorso di gara, esce sconfitto dalla finale contro la Russia col punteggio di 45-42.

Gli azzurri sono stati artefici di un assalto al cardiopalma contro i russi del ct Stefano Cerioni, in un remake della finale iridata di Mosca 2015, che vide pero' l'Italia trionfare. Dopo un avvio in salita, Cassara' ha avviato la rimonta proseguita con Baldini e completata da Garozzo che si è portato sino al 42-42. Da li' il break di tre stoccate del russo Cheremisinov che ha portato a Mosca il titolo continentale di specialità. "Non c'è nulla da rimproverare a questi ragazzi - ha commentato il ct, Andrea Cipressa -. Hanno affrontato questa gara come un test assai probante verso Rio e con la voglia di vincere il titolo continentale. In finale qualche decisione arbitrale ci ha probabilmente penalizzati, ma ho molto apprezzato la capacita' dei ragazzi di rimanere concentrati e di rimontare, stoccata dopo stoccata, il passivo".

Nella gara di sciabola femminile, vinta dalla Russia, l'Italia conclude al quinto posto. La squadra composta da Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta ed Ilaria Bianco è stata sconfitta ai quarti nel match contro la Francia per 45-33.