Addio Hugh Hefner, fondatore di Playboy e campione dello sport preferito dagli uomini

Altri Sport

Paolo Pagani

hefner_playboy

Si è spento a 91 anni nella sua casa di Los Angeles lo storico fondatore di Playboy, nonché ideatore delle "conigliette". Nel 1953 avviò una rivoluzione contro il puritanesimo americano

È stato il campione indiscusso dello sport preferito dagli uomini. Hugh Hefner, l’uomo in pigiama di seta con la pipa e il lettone pieno di pupe, è morto a 91 anni. E, come scrivono tanti spiritosi su Twitter, è molto difficile trovi ora il Paradiso lassù. Perché lo aveva già riprodotto in terra, almeno da quel 1953 che a lui 27enne suggerì l’invenzione di Playboy. Sesso liberato dall’odore di peccato, femmine procaci a portata di edicola in un’epoca bacchettona. Senz’altro più di una rivista. Un pugno nello stomaco all’America puritana. Il leggendario paginone centrale, con la coniglietta sdraiata come mamma l’aveva fatta, è stato da subito l’Eden dei guardoni e la casa delle stangone. Nato il 9 aprile del 1926, Hugh Marston Hefner era figlio di Glenn e Grace, due metodisti che dal Nebraska si erano trasferiti a Chicago. Il ragazzo crebbe in un "clima di repressione", aggravato dal fatto il babbo discendeva da un governatore puritano. Ci avrebbe pensato lui a elettrizzare l’atmosfera. Come le curve di migliaia di splendide signorine, anche le interviste ai potenti del pianeta resero immortale Playboy. E da Muhammad Ali a Lance Armstrong, molti sportivi si sono confessati lì. Una rivoluzione, per la stampa e la storia del costume. Anzi, mancanza di costume.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche