Doping, Russia vieta la birra agli atleti durante i test: "Diventano maleducati"

Altri Sport

L'agenzia nazionale antidoping russa ha vietato agli atleti di bere birra per agevolare i test: "Interferisce sul risultato e a volte li rende aggressivi"

Gli atleti russi che vengono sorteggiati per l'antidoping e quindi devono sottoporsi a controllo non potranno più bere birra per facilitare la loro 'produzione' di urina. Lo ha stabilito il Ceo dell'agenzia nazionale antidoping, Margarita Pakhnotskaya, spiegando che la misura si è resa necessaria visto il largo uso che molti atleti di varie discipline,che non riuscivano ad urinare in modo naturale in occasione dei test, facevano della bevanda. "E alcuni di loro - ha spiegato -, in particolare quelli dell'atletica leggera, a forza di bere birra diventano maleducati e aggressivi. Quindi d'ora in poi verranno riforniti soltanto d'ingenti quantità d'acqua". "Oltretutto - ha aggiunto la Pakhnotskaya -, ora è provato che il consumo di birra durante i test può interferire con i risultati del passaporto biologico. Anzi, diciamo che può arrivare a farlo in modo notevole".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche