Morte Floyd, Joshua manifesta a Watford: "Imperdonabile ma no a rivolte"

Altri Sport

Il campione del mondo dei pesi massimi ha voluto partecipare alla manifestazione di protesta per la morte di George Floyd che si è tenuta a Watford sua città natale. Joshua ha anche parlato alla folla: "E' imperdonabile uccidere una persona, ma le manifestazioni devono essere pacifiche e non dobbiamo trasformarle in rivolte"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI

Continuano nel mondo le marce di protesta per la morte a Minneapolis di George Floyd e all'insegna dello slogan antirazzista #BlackLivesMatter. A Watford, in Inghilterra, Antonhy Joshua, attuale campione dei pesi massimi di boxe ha voluto partecipare alla manifestazione: felpa nera d'ordinanza e guanti neri alla Tommie Smith, e con un tutore al ginocchio sinistro per via d'un infortunio. Per marciare si è quindi dovuto aiutare con un monopattino o delle stampelle. "Ha voluto esserci a tutti i costi", ha spiegato una fonte vicina al pugile.

 

Joshua ha anche parlato alla folla di manifestanti: "Non possiamo restare seduti e in silenzio rispetto a questo non senso. Uccisioni illegali e razzismo su altri esseri umani, basati su cosa? Solo sul colore della pelle - ed ancora - Dobbiamo farci sentire in manifestazioni pacifiche, proprio come oggi, Watford ben fatto! Non dobbiamo usare le manifestazioni per motivi egoistici e trasformarle in rivolte e saccheggi". Ed ancora: "Voi siete il vaccino, io sono il vaccino, uccidere una persona è assolutamente imperdonabile"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.