Alex Zanardi trasferito dal San Raffaele a Padova

il comunicato

Una nota dell'Ospedale San Raffaele informa che Alex Zanardi è stato trasferito presso l'ospedale di Padova: una condizione fisica e neurologica di generale stabilità ha consentito il trasferimento, lasciando la struttura milanese in cui è stato curato dallo scorso 24 luglio

L'Ospedale San Raffaele informa che oggi Alex Zanardi è stato trasferito presso l'ospedale di Padova: così spiega in una nota la struttura dove era stato trasferito lo scorso 24 luglio.

"Il paziente - spiegano dall'ospedale milanese - ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare.

Le tappe del percorso riabilitativo

Dopo il drammatico incidente del 19 giugno a bordo della sua handbike vicino a Siena Zanardi era stato trasportato d'urgenza, operato e ricoverato fino al 21 luglio per poi essere trasferito a Villa Beretta, struttura specializzata in riabilitazione nel Lecchese.

Solo tre giorni dopo però il trasferimento al San Raffaele dove è arrivato "in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica". Qui il pilota 54enne" ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi  un percorso chirurgico,  in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica". 


"Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva" spiegano dall'ospedale augurando "ad Alex e alla sua famiglia un futuro di progressivo miglioramento clinico". 

Nota dell’IRCCS Ospedale San Raffaele

Milano, 21 novembre 2020 – L’Ospedale San Raffaele informa che oggi Alex Zanardi è stato trasferito presso l’Ospedale di Padova.

Il paziente ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare.

Il paziente giunto al San Raffaele il 24 luglio scorso, in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica, ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi  un percorso chirurgico,  in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica.

Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva.

Ad Alex e alla sua famiglia tutto l’ospedale augura un futuro di progressivo miglioramento clinico.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche