Larissa Iapichino pensa al grande salto: "Superare mamma? Non le roderebbe". VIDEO

Atletica

Valerio Spinella

La 18enne toscana, prodigio del salto in lungo, lo scorso 16 luglio a Savona si è iscritta ufficialmente all'albo dei grandi. Se c'è un'atleta che può far cadere il record italiano di Fiona May è proprio la figlia Larissa, che abbiamo intervistato (a distanza) a dieci giorni dalla sua prossima gara

Seconda (per ora) atleta italiana di tutti i tempi nel salto in lungo, Larissa Iapichino ha le idee ben chiare: "Il meglio deve ancora venire", il motto che l'accompagna - anche in latino - è il motore della sua vita: "È sempre stata la mia frase, fin da quando ero piccola, perché in tutte le situazioni cerco di aspirare al massimo, che sia l'atletica o la scuola, qualsiasi tipo di situazione, è il mio modo di ragionare, la mia filosofia. Non mi fermo mai, vado sempre oltre".

 

L'ambizione che si sposa con i modi gentili di una meravigliosa 18enne, che si è fatta un gran regalo di compleanno (con due giorni di anticipo) lo scorso 16 luglio a Savona, saltando 6 metri e 80 centimetri. Davanti a lei c'è soltanto Fiona May, sua mamma. Che però non avrebbe nulla in contrario se il record nazionale cadesse con una sua prodezza: "Me lo dice sempre, i record sono stati fatti per essere battuti e mi incoraggia a superarla. Essendo sua figlia, non le roderebbe". 

approfondimento

Meeting di Savona, Iapichino vola a 6.80

I margini di miglioramento, al di là della giovanissima età, sono tangibili e testimoniati dalle stesse parole di Larissa, la cui umiltà non può comunque negare l'evidenza: "Dopo il 6.80 pensavo di aver fatto una misura sulla mia media, 6.40-6.50... alla fine non mi sembrava un buon salto. Quando è uscito il risultato sul tabellone mi sono impressionata, anche perché ho lasciato dei centimetri alla tavoletta". Tradotto, optimum enim adhuc venire.

 

Non c'è fretta, perché "l'importante non è andare forte da bambini ma da più grandi", quindi Larissa è contenta e molto fiduciosa, concentrata sui prossimi impegni. Rinfrancata da una vacanza all'Isola del Giglio, a fine agosto la aspettano i Campionati Italiani Assoluti, a Padova: "La precedenza la do più al titolo che alla misura: considerando un po' la stagione difficile e disconnessa è tutto da vedere". A settembre, prima della ripresa della scuola, Larissa sarà impegnata al meeting di Rovereto (l'8) per poi chiudere la stagione a metà mese con i campionati di categoria, Juniores e Promesse a Grosseto.

Coniugare scuola e allenamenti è tosta, ma Larissa va forte anche negli studi e dopo il liceo ha deciso che si iscriverà a Giurisprudenza.

 

Tifosa della Fiorentina, tra le sue passioni c'è sicuramente la pennichella ("io dormo sempre nei viaggi, macchina, aereo, treno...") immancabile anche a ridosso degli appuntamenti in pedana: "Un'ora e mezzo prima della gara faccio mezz'oretta di dormita, poi inizio a prepararmi, ascolto la musica ma cerco di non caricarmi troppo perché essendo una persona un po' iperattiva poi tendo a consumare troppe energie". 

"Clarissa senza C", come si presenta sul profilo Instagram seguito da quasi 30mila follower, ha ottimi gusti musicali: "The Weeknd è il mio cantante preferito in assoluto, poi mi piacciono tantissimo Machine Gun Kelly e Dua Lipa, sarei dovuta andare al concerto ma purtroppo è saltato per il Covid".

 

Nel tempo libero è un'appassionata di serie tv: "Le preferisco ai film anche se adoro andare al cinema. Le mie due serie tv preferite sono Peaky Blinders e The Last Dance. Peaky Blinders è ambientata a Birmingham e quello è il dialetto della mia famiglia dalla parte di mamma, quindi mi riportava a casa in un certo senso". A saperlo, Tommy Shelby e Arthur le dedicherebbero un brindisi dei loro, "al prossimo salto". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche