Golden Gala, Re secondo nei 400. Terzi Fabbri nel peso e Tamberi nel salto in alto

golden gala

Davide Re ha conquistato il secondo posto nei 400 metri alle spalle del colombiano Zambrano. Buone prestazioni per Leonardo Fabbri e Gianmarco Tamberi, terzi rispettivamente nel peso e nel salto in alto. Sesta posizione per Larissa Iapichino nel lungo. Record europeo nei 5000 per il norvegese Ingebrigtsen

Le stelle dell'atletica hanno brillato a Firenze per il Golden Gala Pietro Mennea, tappa di avvicinamento alle Olimpiadi di Tokyo, fra gli applausi di un pubblico di mille appassionati invitati all'Asics Firenze Marathon Stadium: il loro entusiasmo è stato soprattutto per i due campioni di casa, la lunghista Larissa Iapichino (sesta con 6,45, ottenuto al primo salto) e il pesista Leonardo Fabbri, che con un 21.71 ha fatto segnare la miglior misura della serata, per poi chiudere terzo la serie finale. "Ho fatto qualcosa di incredibile, ho battuto tutti i migliori del mondo tranne Crouser", ha commentato Fabbri. "Mi dispiace non aver performato come avrei voluto", ha affermato Iapichino.

 

Soddisfatto un altro campione azzurro acclamato dagli spalti, Gianmarco Tamberi: Gimbo, che ha chiuso terzo dietro Ilya Ivanyuk e Brandon Starc, è stato autore di una gara incoraggiante, con un 2.33 saltato al terzo tentativo, piazzandosi davanti al campione del mondo Mutaz Barshim e al campione europeo indoor Maksim Nedasekau, malgrado il fastidio al piede destro emerso negli ultimi giorni. "Ho trovato le mie sensazioni migliori", ha detto il saltatore.

 

Il miglior piazzamento di un azzurro è stato quello di Davide Re, secondo con 45.80 nella gara dei 400 piani uomini vinta dal colombiano Zambrano (44.76). Nei 100 piani uomini, privi di Marcell Jacobs reduce da un infortunio, il sudafricano Simbine ha vinto con 10.08, davanti a Ujah e Matadi. Nei 110 ostacoli uomini il giamaicano McLeod con 13.01 ha messo a segno la miglior prestazione stagionale. Miglior prestazione dell'anno (8:08.54) anche per il marocchino El Bakkali nei 3000 siepi uomini, nella gara dove hanno ritoccato il loro personale gli azzurri Ahmed Abdelwahed (8:12.04) e Osama Zoghlami (8:14.29).

 

Nei 200 donne dominio della britannica Asher-Smith con 22.06, in una gara dove l'italiana Dalia Kaddari ha stabilito il suo primato personale con 22.86. Ritoccati anche alcuni record nazionali: il 53.44 dell'olandese Femke Bol nei 400 ostacoli donne e' il nuovo record olandese, e sono record nei 1500 donne i tempi della keniota Faith Kipyegon (3:51.91) e della belga Elise Vanderelst (4:02.63).

 

Record europeo del fenomeno norvegese Jakob Ingebrigtsen nei 5000 metri: correndo in 12:48.45 batte dopo quasi 21 anni il primato continentale del belga Mohammed Mourhit (12:49.71 nell'agosto 2000), con il miglior crono dell'anno davanti all'etiope Hagos Gebrhiwet (12:49.02). Spettacolari anche i 1500 donne: l'olandese Sifan Hassan con 3:53.63 firma il record del meeting e il tempo più veloce del
2021, al termine del duello con la keniana Faith Kipyegon (3:53.91). 

 

 

Nella serata di Firenze c'è stato spazio per un premio a Sebastian Coe, oggi presidente della Iaaf, ed esattamente 40 anni fa primatista del mondo degli 800 metri con il suo 1:41.73 stabilito proprio nel capoluogo toscano.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport