Augusta Masters: in testa il giapponese Matsuyama, stasera dalle 20 su Sky il giro finale

Golf

Michele Gallerani

©Getty

Al termine del terzo giro dell'Augusta Masters, dopo continui colpi di scena, c'è un nuovo leader in classifica: è il giapponese Hideki Matsuyama, con 4 colpi di vantaggio su un poker di inseguitori (Rose, Schauffele, Leishman e Zalatoris). "Hole in one" per il canadese Corey Conners. Francesco Molinari in 21esima posizione. Stasera il giro finale: diretta dalle 20 su Sky Sport Arena 

Benvenuti ad Augusta. Per capire realmente il fascino del Masters basterebbe rivedere l’ultima ora e mezzo di gioco del terzo giro. Una continua serie di svolte improvvise e cambi di leadership, con colpi di tecnica straordinaria e difficoltà estrema che rendono l’idea del perché questo sia il torneo più ambito di tutti.
Alla vigilia del giro finale, dopo due round e mezzo condotti in testa dall’inglese Justin Rose, c’è il giapponese Hideki Matsuyama. Uno swing tutto particolare e due mani da pittore del green. Adesso è lui il favorito per la vittoria, dopo aver chiuso il terzo giro in 65 colpi (stesso score che Rose aveva registrato giovedì), unico in doppia cifra a -11 . Anche se in carriera, su 32 tornei major giocati, non ha mai combattuto per portarne a casa uno e, al massimo, è giunto secondo pari merito allo US Open del 2017, a 4 colpi dal vincitore Brooks Koepka. 

Il giapponese per un sogno e... un poker di inseguitori

vedi anche

Masters, altra "hole in one": il colpo di Conners

Primo giapponese nella storia a trovarsi in testa al Masters, ora Matsuyama ha 4 colpi di vantaggio su un poker di giocatori tra cui Justin Rose (gli altri sono l’australiano Marc Leishman e gli americani Will Zalatoris e Xander Schauffele), che ha rallentato la corsa, ma che non si può certo considerare battuto, soprattutto perché il quarto e ultimo giro all’Augusta National Golf Course, nelle sue 84 precedenti edizioni, ha sempre riservato leggendari colpi di scena, e anche questa, viste le premesse, non vuole essere da meno. Chiunque vincerà sarà una nuova leggenda del golf.