Pallanuoto, al via le Final 8 di Champions League

pallanuoto
Daniele Barone

Daniele Barone

©Ansa

Al via le Final 8 di Champions League: a Belgrado, Brescia e Recco vanno all’assalto della quattordicesima coppa italiana. Dal 3 al 5 giugno su SkySport

Una con il morale a mille ed una… un po’ meno. Effetti delle finali scudetto che, settimana scorsa, ha visto Brescia alzare finalmente la coppa al cielo dopo diciotto anni di attesa, e soprattutto, dopo otto secondi posti consecutivi alle spalle del Recco. Una frustrazione diventata carburante che, nella reazione a catena, è diventato scudetto che è diventato euforia.

E viceversa, dopo aver riempito la bacheca e aver abituato tutti a pensare che la “pallanuoto italiana è quello sport dove alla fine vince sempre il Recco”, la squadra ligure ha dovuto incassare un pesantissimo cazzotto in faccia che l’ha stordito.

QUI BRESCIA - Da Mompiano arriverà a Belgrado una squadra carichissima ma anche con un paio di punti interrogativi. La conquista del tricolore, lo ha garantito l’allenatore, Alessandro Bovo, non svuoterà la testa e i muscoli dei giocatori, anzi, li aiuterà a capire definitivamente che se la possono giocare con tutti. E che potesse succedere lo si era capito già all’inizio della stagione, grazie al grande mercato operato dalla società, e dal rendimento nei gironi di Champions League, chiudendo al terzo posto ma strettissimo contatto con Ferencavros (battuto due volte) e Barceloneta.

Le incognite arriveranno per l’assenza di Edoardo Di Somma, infortunatosi ad una mano (a rischio anche la sua partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo) e per le condizioni non ottimali di Vlachopoulos. E sicuramente già il primo avversario dei quarti, i croati dello Jug –secondo nel girone del Recco- è assolutamente impegnativo.

QUI RECCO - Tanto bella ed inarrestabile durante la fase a gironi (dieci vittorie su dieci, miglior attacco e miglior difesa), quanto brutta e nervosa durante le finali scudetto. Sorprendentemente insufficiente.

La vasca del centro sportivo “11 aprile” di Belgrado diventa lo scenario giusto per dimostrare a tutti che la Pro Recco è quella ammirata nelle partite di Ostia e non quella dei giorni scorsi; talento ed esperienza a grandissimi livelli, certo, non mancano al gruppo di Gabi Hernandez. Bisognerà ricompattarsi e riaccendere la lampadina, ecco.

Già il debutto contro l’Hannover (stesso avversario nei quarti dell’edizione del 2019) può essere l’occasione per sciogliere le difficoltà; l’avversario è assolutamente alla portata a patto che la testa, ancora prima che le strategie, sia quella giusta. O anche i tedeschi diventerebbero una montagna parecchio alta da scalare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche