Eurobasket, l'Italia batte la Finlandia 70-57 e accede ai quarti

Basket
Gigi Datome (foto @Italbasket)

Gli azzurri di Ettore Messina giocano una grandissima gara e battono 70-57 la Finlandia di Lauri Markkanen. Ai quarti di finale affronteranno la vincente tra Serbia e Ungheria

IL TABELLINO DELLA GARA

RIVIVI IL RACCONTO SUL LIVEBLOG DELLA SFIDA ITALIA-FINLANDIA

Sapevamo di dover soffrire e soprattutto di lottare su ogni pallone per portare a casa un successo. Lo abbiamo fatto, consapevoli che le percentuali da sogno del primo quarto (30 punti e 6/7 dall’arco) non sarebbero durate a lungo. La vittoria infatti è arrivata grazie alla difesa, alla sofferenza e soprattutto a un lavoro maniacale e intenso in marcatura sui vari Koponen, Markkanen e Salin. Alla fine il tabellone ci ha dato ragione, regalandoci l’accesso ai quarti: un 70-57, che è la giusta sintesi dell’andamento da montagne russe percorse da una squadra che deve limitare i black-out offensivi, ma che ha saputo tenere il proprio avversario al 39% dal campo e al 28% da tre; frutto non solo della cattiva serata delle stelle finlandesi (Markkanen 4 punti e Koponen 13, quasi tutti arrivati nella seconda parte di gara, quando i buoi erano in parte scappati dalla stalla), ma anche della difesa di Hackett sulla palla e di Melli sui giocatori spalle a canestro. Per vincere poi servivano le fiammate di Belinelli, che sono puntualmente arrivate soprattutto nei primi tre quarti. Alla fine per Marco 22 punti con cinque triple, in una partita da 9/28 totale dall’arco di squadra. Datome invece ha messo il punto esclamativo con la giocata che ormai è diventata abituale e iconica per lui dopo la sfida con la Georgia, distribuendo a destra e a manca nei momenti cruciali di partita, non una, non due, ma ben tre stoppate che hanno cambiato l’inerzia del match in favore degli azzurri. Nel momento di massima difficoltà offensiva poi ci ha pensato Hackett a mettere a referto 6 punti dall’enorme peso specifico, in un momento in cui la palla non voleva saperne di trovare il fondo della retina. Impossibile poi non citare Melli con i 10 punti nel primo quarto, e poi Biligha con la difesa, e poi Filloy con la solita lucida e precisa gestione del pallone e del ritmo. Tutti insomma, mai come oggi, hanno portato il proprio mattoncino per la causa, annichilendo una Finlandia apparsa molto più piccola rispetto a quella che era scesa in campo a Helsinki. La consapevolezza però è che non sono stati incapaci loro, ma siamo stati dei giganti noi. Una fiducia nei propri mezzi da portare con sé anche nei quarti di mercoledì prossimo. Un'altra battaglia, un'altra lotta, un'altra emozione.

Primo tempo

Capitan Datome va subito a segno per due volte con conclusioni difficili, seguito da Hackett con un tiro dalla media distanza e Belinelli dall’angolo per il 9-3. Nik Melli di nuovo dall’arco firma il 12-5 che costringe i finlandesi al timeout per fermare l’eccellente inizio degli azzurri sui due lati del campo, pronti a chiudersi nei pressi del ferro e ad aprire la difesa avversaria ribaltando il lato. Gli azzurri continuano a far lavorare gli avversari lontano dalla palla creando separazione, con Datome che si procura due tiri liberi e poi va a segno su grande scarico di Belinelli per il +10 (17-7). Melli e Belinelli sentono la mano caldissima e segnano da tre anche in controtempo per il massimo vantaggio sul 23-9, con il nuovo giocatore del Fenerbahce che punisce tutti gli avversari salendo a 10 punti nel primo quarto in un inizio esaltante per gli azzurri (11/12 di squadra). Perfino Baldi Rossi si iscrive a referto firmando la tripla del +15, anche se Wilson si inventa il terzo canestro consecutivo per mandare le squadre al primo riposo sul 30-17.

Il grande protagonista del secondo quarto si chiama Marco Belinelli: prima si procura sei liberi (segnandone cinque) lucrando sulle attenzioni della difesa finlandese, poi (dopo il primo canestro di Lauri Markkanen) va a segno da nove metri con una tripla impossibile, salendo a quota 14 punti in 14 minuti di gioco per il +17 azzurro che diventa 40-23 dopo la schiacciata di Biligha. Le percentuali degli azzurri dall’arco si abbassano, ma la distanza dai finlandesi no anche grazie ai tiri liberi, che oggi sembrano funzionare (11/12). La difesa salta un paio di volte di troppo, ma a cancellare tutto arriva “Hakeem Gigionewon” (copyright Flavio Tranquillo) che stoppa da una parte e va a segno in allontanamento dall’altra: all’intervallo il punteggio è 48-29, con gli azzurri guidati dai 14 di Belinelli, i 13 di Datome e i 10 di Melli, mentre dall’altra parte solamente Salin è in doppia cifra con 11 punti.

Secondo tempo

Koponen si iscrive alla partita segnando un gran canestro contro Hackett (sontuoso nella metà campo difensiva), mentre i finlandesi commettono il peccato capitale di perdersi più volte Belinelli e pagan dazio, con il bolognese che sale a quota 22 punti nella sua partita e ci mantiene a +20 (56-36). “Gigionewon” si inventa un’altra stoppata pazzesca arrivando dal lato debole e contestando qualsiasi tiro passi dalle sue parti, e con la difesa gli azzurri mantengono il vantaggio nonostante siano più di 5 i minuti senza segnare della squadra di Messina. La Finlandia trova due triple difficili con Koponen e il super specialista Koivisto (75% da tre in questi Europei), ma Biligha a rimbalzo offensivo ci toglie dalle secche e ci manda all’ultimo riposo lungo sul +16 (58-42).

L’attacco azzurro continua a non produrre nulla e a entrare lentamente nei giochi, e piano piano la Finlandia prova a riavvicinarsi dimostrandosi più pronta sulle palle vaganti: con la tripla di Koponen è -11 a meno di 8 minuti dalla fine. Qualche fallo dubbio e qualche scelta sbagliata degli azzurri mandano in bonus la Finlandia, che a sei minuti e mezzo dalla fine può già sfruttare i tiri dalla lunetta per avvicinarsi a cronometro fermo. Hackett si mangia Wilson e in contropiede firma l’importantissimo +13 e Biligha (con una scarpa slacciata) lo segue dalla media, inframezzato da Markkanen batte un colpo andando a schiacciare. L’Italia gioca sempre al limite al limite dei 24 secondi, per mancanza di energie e per far passare il tempo, ma Daniel Hackett con quattro punti fondamentali ci tiene a distanza di sicurezza nonostante la spia della riserva sia accesa da tempo: l’Italia vince 70 a 57 e avanza ai quarti di finale, dove mercoledì alle 20:30 affronterà la vincente tra Serbia e Ungheria, impegnate domenica alle 14:15 nel loro ottavo di finale.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche