Mondiali basket, i risultati del 31 agosto: vincono Spagna e Serbia

Basket

Cominciano i Mondiali di basket in Cina: tutto facile per la Serbia, che batte l'Angola 105-59 nella prima gara del girone dell'Italia. La Russia vince in volata contro la Nigeria, mentre la Spagna passeggia contro la Tunisia. Finale thriller tra Iran e Porto Rico, mentre Cina e Polonia si prendono la vetta del gruppo A

Segui tutto il mondiale di basket in Cina in esclusiva sui canali Sky Sport 

L'ITALIA TRAVOLGE L'ANGOLA, CENTRATO IL PRIMO OBIETTIVO

ITALIA SHOW CONTRO LE FILIPPINE

Dopo un'attesa lunga cinque anni, i Mondiali di basket sono finalmente cominciati. Subito in campo a Foshan una delle grandi favorite come la Serbia, che ha facilmente avuto ragione dell'Angola nella prima partita del girone dell'Italia. La Russia soffre e vince in volata contro la Nigeria. Finale pazzesco di gara tra Iran e Porto Rico che premia la squadra americana, la Polonia batte il Venezuela. Le ultime a scendere in campo sono Cina, Spagna e Argentina: per loro successi senza troppe complicazioni contro rispettivamente Costa D'Avorio, Corea del Sud e Tunisia.

Cina-Costa D'Avorio 70-55 (Gruppo A)

Partenza senza grossi problemi per la Cina – padrona di casa che chiude con 15 lunghezze di vantaggio contro la Costa D’Avorio. Un successo raccolto nonostante il pessimo 1/10 raccolto dalla lunga distanza. Alla Cina infatti basta il 28/45 con i piedi dentro l’arco e una super difesa che ha tenuto la squadra africana a solo 29% dal campo complessivo. Yi Jianlian chiude con 19 punti, a cui si aggiungono i 12 di Zhou Qi e i dieci di Zhai Xiaochuan. Dall’altra parte invece Guy Edi è l’unico giocatore della Costa D’Avorio in doppia cifra con i suoi dieci punti.

Polonia-Venezuela 80-69 (Gruppo A)

Nel girone della Cina padrona di casa, vince all’esordio la Polonia contro il Venezuela – sotto dopo dieci minuti, prima di piazzare il parziale da 22-12 nella seconda frazione e controllare il match nella ripresa. Miglior realizzatore tra i polacchi Michal Sokolowski, autore di 16 punti – uno dei cinque uomini in doppia cifra. Dall’altra parte non bastano i 15 punti per Chourio e 14 per Colmenares ai venezuelani per evitare il primo ko al mondiale.

Russia-Nigeria 82-77 (Gruppo B)

Fatica più del previsto la Russia per battere la Nigeria nella sfida d’esordio del girone B del mondiale in Cina. Decisivi i 14 punti dell’esperto Vorontsevich e i 16 di Kulagin – due dei quattro giocatori in doppia cifra alla sirena finale. A spiccare nel roster della squadra africana invece è Josh Okogie, autore di 18 punti in 28 minuti. Dieci per Al-Farouq Aminu, altro giocatore NBA da tenere sott’occhio. Una vittoria che complica i piani della Nigeria in vista del passaggio del turno.

Argentina-Corea del Sud 95-69 (Gruppo B)

L’Argentina parte forte e non si volta più indietro nella comoda vittoria raccolta contro la Corea del Sud. Nicolas Laprovittola chiude con 17 punti in 19 minuti, limitando l’utilizzo al minimo e raccogliendo energie per le prossime sfide. Luis Scola ne aggiunge 15 con nove rimbalzi, mentre Facundo Campazzo condisce con sei assist i suoi 11 punti in uscita dalla panchina. La miglior dimostrazione che l’infortunio è ormai definitivamente superato. Dall’altra parte Ra Guna gioca una partita sontuosa chiusa con 31 punti e 15 rimbalzi: ottimi per il suo boxscore, ma non in grado di riportare a contatto gli asiatici nel corso del match.

Iran-Porto Rico 81-83 (Gruppo C)

Pazzesca vittoria in rimonta di Porto Rico, sotto per tutta la partita contro l’Iran dopo il parziale da 30-16 nel primo quarto che aveva portato la squadra americana sotto abbondantemente in doppia cifra. Nella ripresa la risalita, con un quarto periodo da 32-16 nel quarto periodo e canestro allo scadere di Javier Mojica che ha beffato l’Iran. Alla sirena non bastano per la squadra asiatica i 22 punti a testa di Yakhchalidehkordi e Haddadi, mentre per Porto Rico il miglior realizzatore è Huertas con 32 punti e un eccellente 13/19 dal campo.

Spagna-Tunisia 101-62 (Gruppo C)

Alla giornata delle vittorie con più di 40 punti di scarto si iscrive anche la Spagna, soprattutto grazie al 59-23 di parziale raccolto nel secondo tempo e a dimostrazione del fatto che gli iberici puntano in alto anche in questo mondiale. Ricky Rubio ha continuato a giocare ad altissimo livello – come fatto già per tutta l’estate – autore di 17 punti, nove assist a fronte di una sola palla persa in 22 minuti. Al suo fianco Sergio Llull ne aggiunge 16, Jauncho Hernangomez 13, Victor Claver 12 e il campione NBA Marc Gasol “soltanto” 10 – senza sporcarsi eccessivamente le mani. Una prova di forza stampata in faccia al povero Salah Mejri, miglior realizzatore della Tunisia con i suoi 15 punti.

Filippine-Italia 62-108 (Gruppo D)

CLICCA QUI PER IL RACCONTO DEL MATCH DEGLI AZZURRI

Serbia-Angola 105-59 (Gruppo D)

Tutto facile all'esordio per la Serbia, favorita per una medaglia e una delle candidate principali alla vittoria finale. L'Angola prova a dare battaglia con un primo quarto di grande lotta, ma deve arrendersi in fretta davanti a un grande Bogdan Bogdanovic (24 punti in meno di 20 minuti con 5/7 da tre punti) e altri tre giocatori in doppia cifra (14 per Nikola Milutinov, altrettanti per Nikola Jokic con 5 rimbalzi e 6 assist, 12 con 10 rimbalzi per Boban Marjanovic). Strepitosa prestazione offensiva degli uomini di coach Djordjevic, capaci di distribuire 32 assist su 36 canestri segnati e di tirare 13/20 da tre punti. Per l'Angola, surclassata 41-19 a rimbalzo, ci sono 15 punti di Carlos Morais e 10 di Leonel Paulo.

I più letti