17 novembre 2017

Manchester United, il ritorno di Ibrahimovic. Mou lo convoca per il Newcastle: "E' un guerriero"

print-icon

L’allenatore del Manchester United ha convocato Zlatan Ibrahimovic per il match di Premier League contro il Newcastle, un recupero record per l’attaccante svedese che si era procurato la rottura del crociato lo scorso 20 aprile

Un recupero lampo, un ritorno a tempo di record che descrive come meglio non si potrebbe la grande voglia di riprendersi il proprio mondo, lì in mezzo a quel prato verde teatro delle sue meraviglie. Sono passati poco meno di sette mesi da quel maledetto 20 aprile, quando Zlatan Ibrahimovic si procurò la rottura del legamento crociato in Europa League contro l’Anderlecht. Un trauma che avrebbe potuto metterlo ko per sempre, ma che invece lo ha spinto a rimettersi in piedi con maggiore determinazione, dimostrando di voler decidere lui il modo in cui far calare il sipario sulla sua carriera. Ecco dunque che Ibrahimovic, insieme a Pogba e Rojo, è stato inserito da Josè Mourinho nella lista dei convocati per la sfida che il Manchester giocherà domani contro il Newcastle, un nuovo inizio certificato anche dalle parole del manager portoghese. "Credo sia giusto descriverlo come un leone, un guerriero. Ha sempre molta rabbia e questo gli ha consentito di tornare presto. Come ci immaginavamo, ha ridotto la fase di recupero. Come dicevamo rientrerà con il 2017 e questa è una guarigione incredibile".

La convivenza con Lukaku

Il recupero record di Ibrahimovic ovviamente non spingerà Mourinho a rischiarlo, il manager portoghese infatti centellinerà l’utilizzo dell’attaccante svedese, utilizzandolo o al posto di Romelu Lukaku o insieme a lui, creando un tandem offensivo davvero niente male. "Non ci possiamo però aspettare che giochi tutti i 90 minuti o più partite di fila. La scorsa stagione ha giocato quasi sempre finché non si è fatto male, abbiamo dovuto cambiare modo di giocare ma è un calciatore importantissimo per noi. Ha dimostrato una personalità incredibile nel lottare contro un infortunio così grave. Avrà bisogno di tempo per tornare al suo livello, alla sua forma, ma dal punto di vista medico è pronto. La convivenza con Lukaku? I giocatori bravi possono sempre giocare insieme".

I PIU' VISTI DI OGGI