user
10 novembre 2018

Manchester City, il dramma di David Silva: "Gli ultimi mesi sono stati i più duri della mia vita"

print-icon

Il centrocampista spagnolo racconta i suoi ultimi mesi: "Ognuno ha un'immagine di un bambino prematuro, finché non lo si vive non si capisce cosa significa. Sono stati mesi difficili, i più difficili della mia vita. Ho mangiato male e mi sono allenato male. Ma ho iniziato a vedere la vita da una prospettiva diversa, ora mi preoccupano le cose veramente importanti"

MAN.CITY-MAN.UNITED LIVE

DAVID SILVA, UN GOL PER SUO FIGLIO MATEO

 

David Silva ha vissuto mesi difficili, in cui è stato costretto a vedere il suo figlio Mateo combattere per la vita dopo essere nato prematuro di cinque mesi nel dicembre del 2017. In quei giorni il suo Manchester City era impegnato contro il Tottenham e Guardiola, proprio in quell'occasione, chiese ai suoi ragazzi di dare qualcosa in più proprio per dedicare un successo al fantasista spagnolo. Silva vide i suoi compagni di squadra vincere per 4-1, seduto su una sedia d'ospedale a Valencia con l'i-Pad in mano. "Aver visto i miei compagni di squadra e l'allenatore lì per me nel momento del bisogno, è un qualcosa che ricorderò per sempre – ha raccontato lo stesso David Silva al Daily Mail – Spesso mi chiedo, 'Come hai fatto a sopportarlo?'. Era una situazione complicatissima. È stato ovviamente il periodo più difficile, più difficile della mia vita. Devi pensare a quel che sta succedendo nella tua vita privata e poi riuscire a concentrarti anche sul lavoro. Sei spesso sulla strada, viaggi tanto, mangi male, non dormi abbastanza, non ti alleni e se ti alleni lo fai male. Quindi ero completamente fuori dalla mia routine normale. Il calcio è stata la cosa che mi ha aiutato di più. Quei 90 minuti erano l'unico momento in cui potevo dimenticare il resto. Poi, finita la partita, torni a pensarci".

"Ho iniziato a vedere la vita da una prospettiva diversa"

"Ognuno ha un'immagine di un bambino prematuro, ma finché non lo si vive e lo si sperimenta, semplicemente non si sa quanto sia grave – prosegue - Vedi le cose da una prospettiva diversa. Penso che impari ad apprezzare le cose importanti nella vita. Non spreco il mio tempo a pensare alle cose stupide che non contano davvero e che preoccupano per nulla. Volevo portare mio figlio allo stadio con me, era uno dei pensieri che mi giravano intorno quando Mateo non stava bene. Addio alla Nazionale? La mia famiglia è ancora convinta che potrei giocare adesso, ma voglio avere la possibilità di godermi ancora un po' di tempo con il mio bambino quando ci sono le soste. Chiusura col Las Palmas? Non lo so. In teoria ho un anno e mezzo di contratto ancora, ma nel calcio le cose cambiano".

"Ora lo United ci rispetta, contento di aver partecipato a questo cambio di equilibri"

Silva, infine, parla del suo momento e del nuovo ruolo in campo che gli ha dato Guardiola, più al centro della squadra: "Mi ha messo in una posizione in cui posso toccare di più la palla. Il fatto che ora sono al centro del campo mi dà molte più opportunità di esprimermi. La mia capacità di legge prima l'azione mi aiuta, in questa Premier League fisica sarebbe dura per me altrimenti. Tanti campioni in squadra? Non è la concorrenza degli altri, è la competizione che mi sono posto. Mi sono fissato degli obiettivi rigidi. So cosa è necessario fare bene in questo campionato e si tratta di migliorare anno dopo anno. Sono duro con me stesso in proposito. Derby di Manchester? Quando sono arrivato qui, c'era un enorme rispetto per il Manchester United, e ora penso che sia un po' più il contrario. È stato bello partecipare a questo cambio di equilibri".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi