Il Canelas è tornato: ginocchiata all'arbitro

Calcio
canelas_ginocchiata_arbitro

Follia durante una partita di 4^ serie portoghese del Canelas, diventato celebre per le dodici partite vinte a tavolino per assenza di avversari, spaventati da botte e intimidazioni. L'attaccante Goncalves ha colpito l'arbitro dopo essere stato espulso ed è stato escluso a vita dal club

Vi ricordate del Canelas 2010? La squadra che nessuno vuole affrontare per la paura di botte e intimidazioni? Ora rischia anche che nessuno la voglia arbitrare, dopo l'episodio della partita tra la squadra, che milita nella quarta serie portoghese, e il Rio Tinto. Marco Goncalves, attaccante del Canelas, ha colpito l'arbitro con una ginocchiata in faccia. 

Il (futile) motivo che ha scatenato il gesto folle è stato l'espulsione comminata al giocatore dall'arbitro dopo un duro fallo su un difensore avversario. L'arbitro è subito intervenuto mostrando il cartellino rosso all'attaccante, che ha poi perso la testa e ha steso il direttore di gara con una ginocchiata in pieno viso.

Per sedare la rissa che si è scatenata dopo l'episodio è dovuta intervenire la polizia: la partita è stata sospesa e Goncalves è stato escluso a vita dal club. Secondo quanto riporta il sito portoghese  "Jornal de Noticias", nella giornata di lunedì il giocatore è stato sentito dal tribunale di Gondomar. L'interrogatorio si è svolto a porte chiuse. Goncalves è stato rilasciato e attenderà l'esito del processo a piede libero. La diagnosi per l'arbitro colpito è stata di rottura del setto nasale in tre punti. E' stato assistito presso l'ospedale S. João di Porto, ed è stato dimesso.

Il comunicato del Canelas - Il club portoghese ha assicurato attraverso un comunicato, firmato dal presidente Bruno Canastro, che Marco Gonçalves non vestirà mai più la maglia del Canelas, e ha condannato "con veemenza l'atteggiamento sconsiderato" del giocatore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche