Coverciano, la Nazionale riparte dal "Patto della palestra"

Calcio

Alessandro Alciato

Coraggio, umiltà, dignità e semplicità: la Nazionale riparte da questi principi. Gli Azzurri si sono riuniti tutti in palestra, compresi cuochi e magazzinieri, e in mezz’ora hanno parlato della ripartenza. Il concetto è "ripartiamo" attraverso umiltà, semplicità e forza del gruppo. Capitolo ct: dietro ai tre soliti (Conte, Ancelotti, Mancini) un pensierino anche su Gasp e Giampaolo ma nessun contatto ufficiale

Tutto ricomincia dalla palestra di Coverciano. Simbolo di lavoro, simbolo di una rinascita forzata, perché dopo aver conosciuto l’inferno della mancata qualificazione mondiale con Ventura – più sotto non si può andare, neanche volendo scavare – la prima vera riunione dell’Italia è stata organizzata lì, lontana da orecchie indiscrete. Fra panche, pesi, cyclette e cattivi ricordi. Il nuovo ct Di Biagio è stato promotore di una chiacchierata come non se ne vedevano da tempo, chiamando tutti alle armi, compresi i cuochi e i magazzinieri, che non sono meno di importanti di altri, ma citarli fa sempre un certo effetto. È stato ricordato Astori, perché anche questo angolo di Firenze continua ad essere casa sua. Sono stati presentati i diversi componenti dello staff tecnico al vice commissario Costacurta.

Hanno parlato lo stesso Di Biagio e il capitano da 175 presenze azzurre, Buffon. “Ripartiamo” è stato l’ordine, il punto fondamentale del patto. Umiltà, semplicità e forza del gruppo, i tre concetti attraverso il quale renderlo possibile. Ci si allena per tornare ad essere un gruppo forte, poi contro Argentina e Inghilterra, in amichevole, si giocherà anche per migliorare il 14esimo posto nel ranking Fifa. Chiellini come ampiamente previsto ha lasciato il ritiro per infortunio, al suo posto è arrivato Ogbonna dal West Ham. Balotelli è ancora in castigo, per motivi extracampo diceva Ventura, per scelta puramente tecnica racconta oggi Di Biagio. Che in cuor suo vuole provare a conquistarsi la permanenza sulla panchina azzurra attraverso le prossime amichevoli, comprese quelle di giugno con Francia e Olanda.

A livello teorico, la concorrenza è altissima e spietata: ai nomi di Conte (allo scontro nucleare con il Chelsea), Ancelotti (ancora sotto contratto con il Bayern Monaco) e Mancini (che a giugno lascerà San Pietroburgo), sottotraccia si sono aggiunti quelli di Gasperini e Giampaolo. Il toto CT è in pieno corso. C come Coverciano. T come Tutti in palestra. Si riparte dal patto. Non sarà un percorso semplice.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche