Birmingham-Aston Villa, condannato il tifoso invasore: mai più allo stadio

Calcio

E' stato punito con 14 settimane di carcere e con l'interdizione a vita dallo stadio il tifoso che nel corso del derby di Birmingham ha invaso il campo e aggredito alle spalle il capitano dell'Aston Villa. Dure condanne da parte dei club, mentre la famiglia dell'aggressore viene minacciata attraverso i social. "E se fosse stato armato?", si chiede invece Grealish

FOLLIA A BIRMINGHAM: TIFOSO INVASORE AGGREDISCE GREALISH

GREALISH, DOPO L'AGGRESSIONE DEL TIFOSO LA SPINTA DELLO STEWARD

Il giorno dopo lo shock, ecco che arrivano le condanne: Paul Mitchell, l'uomo che nel corso del derby di Birmingham ha invaso il campo e aggredito alle spalle il capitano dell'Aston Villa, Jake Grealish, è stato condannato dalla giustizia ordinaria e punito dal proprio club con una doppia condanna: 14 settimane di carcere e interdizione a vita dallo stadio.

Del tutto inutile le scuse che Mitchell, 27 anni di cui oltre 20 da abbonato al Birmingham, ha fatto pervenire attraverso il suo avvocato all'Aston Villa e al suo capitano in particolare: l'uomo si è dichiarato colpevole di aggressione e si è detto pentito, dicendo che il tutto era nato come "uno scherzo". "Sa di aver ricoperto di vergogna la sua famiglia e il club che ha sostenuto fin da bambino", ha aggiunto l'avvocato Whistance. Famiglia (Mitchell e la compagna hanno un figlio di due anni e sono in attesa del secondo) che nelle ultime ore sarebbe stata anche minacciata attraverso i social e che sarebbe stata costretta a lasciare il suo appartamento a Birmingham per trasferirsi fuori dalla città.

La condanna e le scuse del Birmingham

Una severa condanna è arrivata anche da parte del Birmingham, che oltre a "bannare" a vita il suo tifoso ha pubblicato sul suo sito ufficiale una lettera di scuse: "Il Birmingham City Football Club vorrebbe scusarsi con Jack Grealish e l'Aston Villa Football Club per l'incidente nel derby di questo pomeriggio. Condanniamo il comportamento dell'individuo che ha commesso questo atto e assicuriamo che sarà bandito a vita da St Andrew", recita il comunicato. Il club, inoltre, si è detto pronto ad appoggiare ogni ulteriore punizione che verrà inflitta dalla legge a Mitchell, e a "collaborare con le autorità competenti per indagare su tutte le circostanze, esaminando le procedure di sicurezza dello stadio".

Grealish: "E se fosse stato armato?"

Anche l'Aston Villa ha rilasciato una sua dichiarazione, con il club che si è detto "sconvolto dall'attacco a Jack Grealish durante la partita di oggi. Una linea rossa è stata attraversata con questa aggressione codarda sul campo a un giocatore, che non ha precedenti nel calcio inglese. La rivalità locale fa parte del gioco, tuttavia, poiché siamo sicuri che i nostri amici del Birmingham City siano d'accordo, il fatto che la sicurezza personale di un giocatore possa essere messa a rischio in questa maniera è un serio motivo di preoccupazione per l'intera comunità calcistica".

Lo stesso Grealish, attraverso una dichiarazione letta dal pubblico ministero in tribunale, si è detto "scioccato e spaventato, perché se questa persona è stata abbastanza sfacciata da entrare in campo, che cos'altro avrebbe potuto fare se avesse avuto con sè anche un'arma?".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.