L'arbitro Turpin subisce un furto d'identità e "diventa" narcotrafficante

Calcio

L'arbitro internazionale, fischietto di Juve-Ajax, è finito al centro della cronaca in Francia: ha subito un furto d'identità per questioni legate al traffico di droga

ALLEGRI: "IL NOSTRO RESTA UN GRANDE ANNO"

SERIE A, PROBABILI FORMAZIONI 33^ GIORNATA

Martedì scorso ha arbitrato la sfida di ritorno in Champions tra Juve e Ajax. La carriera di Clement Turpin procede spedita ma, nelle ultime ore, ha dovuto fare i conti con una spiacevole bega giudiziaria. Come riporta L'Equipe, infatti, il fischietto francese ha subito un furto d'identità: gli è stata intestata, a sua insaputa, un'auto con la quale alcuni criminali hanno ripetutamente trafficato carichi di droga tra il Paese transalpino e il Belgio. Una serie di viaggi, da una parte all'altra del confine, scovata dalle indagini della polizia e dalla quale è emersa la spiacevole verità per il direttore di gara internazionale. Nella macchina 'incriminata', una Renault Laguna grigia, sono stati inoltre trovati kalashnikov, un lanciarazzi e tre pistole, oltre a un milione di euro in contanti e altri beni dal valore complessivo di circa 600 mila euro. Naturalmente Turpin non ha nulla a che fare con quanto successo, come raccontato dallo stesso inconsapevole protagonista della vicenda: "Non vivo a Noisy-le-Sec, non ho appartamenti o castelli, non ho niente a che fare con questo caso" ha confermato il 36enne francese che, nella 'vita di tutti i giorni', fa il giurista di professione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche