Byron Moreno: "Italia-Corea 2002? Arbitrai da 8. Trapattoni un codardo"

Calcio

L'ex arbitro ritorna su Italia-Corea del 2002: "Merito 8 per quella partita, magari non ho visto dei rossi ma non ho danneggiato nessuno. Trapattoni, dopo l'espulsione di Totti, mise Tommasi e rimase solo con Del Piero avanti: fu un codardo. Il rigore di Totti non c'era, fu lui a cercare il contatto"

LA RISPOSTA DI TRAPATTONI

MORENO: "FALLO DI ZAMBROTTA DA ROSSO"

Il Mondiale del 2002 resta una ferita ancora aperta in ogni italiano. La Corea del Sud, Byron Moreno e quell'eliminazione inaspettata per una Nazionale fortissima. A distanza di 17 anni l'ex arbitro ecuadoriano è tornato a parlare delle sue decisioni che costarono la sconfitta all'Italia di Trapattoni: "Per la partita mi darei otto – ha dichiarato Moreno a Futbol Sin Cassette – Alla fine ho chiesto di parlare con Totti e Trapattoni, ma nessuno dei due ha voluto. Non ho danneggiato l'Italia, posso non aver visto delle espulsioni ma non ho danneggiato nessuno. Trapattoni poi è stato un codardo: espulso Totti, ha messo Tommasi e in campo l'unico capace di attaccare era Del Piero. È stato un codardo come sempre".

"Il rigore di Totti non c'era"

"Il rigore di Totti? Se c'è un calciatore che vuol danneggiare l'azione, in quell'occasione, è proprio Totti. Il coreano tocca prima il pallone e poi l'avversario, che va giù successivamente. Abbiamo fatto un seminario a Seoul sui falli in area di rigore e c'era una giocata di Italia-Camerun in cui un difensore camerunese va a cercare la palla, l'italiano cerca poi il contatto e il rigore. Nell'occasione, inoltre, alzai lo sguardo e vidi il mio assistente che pensò, come me, alla simulazione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche