Mondiali femminili, proteste Camerun contro il Var: "Non giochiamo più". VIDEO

Calcio

Curioso episodio nel finale di primo tempo tra Inghilterra e Camerun: le africane hanno minacciato di abbandonare il campo dopo un gol annullato e poi convalidato all'inglese White. Proteste anche a inizio ripresa, con Nhout in lacrime per essersi vista negare il 2-1 dal Var

INGHILTERRA-CAMERUN 3-0: GOL E HIGHLIGHTS

"IO NON HO PAURA": IL CAMMINO VERSO ITALIA-CINA

ITALIA, AGLI OTTAVI C'È LA CINA: LA SCHEDA

Poteva finire dopo un tempo l’ottavo di finale di Valenciennes tra Inghilterra e Camerun al Mondiale di calcio femminile. Colpa del Var, che convalida la rete del 2-0 di White dopo l’iniziale annullamento. A quel punto la capitana camerunense Onguene e le sue compagne circondano l’arbitra cinese Qin Liang a metà campo, minacciando di non giocare più. Furibondo anche il ct del Camerun Djeumfa, secondo cui la bandierina, alzata dal guardalinee con troppa fretta, avrebbe poi indotto la sua difesa a rinunciare in anticipo ad andare in contrasto sulla giocatrice inglese. Dopo oltre sei minuti di recupero si riprende a giocare e il primo parziale va in archivio sul 2-0.

Gol annullato e altre polemiche

Nella ripresa il Camerun torna in campo determinato a provare la rimonta. Al minuto 50 la Var torna protagonista e, anche questa volta, la decisione è contro le africane: Nchout segna il 2-1 ma il Video assistant referee annulla. In lacrime l’attaccante camerunense non si capacita del responso. Altre proteste vibranti e il gioco riprende. Alla fine vince l’Inghilterra 3-0. Un risultato mai in discussione, nonostante le polemiche, i pianti e la Var pro-Inghilterra.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.