Sporting Lisbona, ex presidente a processo: ordinò di aggredire i propri giocatori

Calcio

Accusato di rapimento e terrorismo per "aver ordinato a 50 teppisti di aggredire i propri giocatori durante l'allenamento", l’ex presidente Bruno de Carvalho verrà processato per i fatti risalenti al 15 maggio 2018 come riporta Observador. Il centro sportivo dello Sporting Lisbona venne invaso da violenti che attaccarono i calciatori, vicenda gravissima che portò alle indagini e al cambio presidenziale. Già arrestato e rilasciato a novembre, de Carvalho è ritenuto la mente dell'episodio

SPORTING, GIOCATORI AGGREDITI DA ULTRAS: I FATTI DEL 15 MAGGIO 2018

Nel pomeriggio del 15 maggio 2018 furono una cinquantina i teppisti incappucciati che, facendo irruzione nel centro sportivo dello Sporting Lisbona, aggredirono l’allenatore Jorge Jesus e alcuni giocatori negli spogliatoi. Ferite riportate soprattutto da Marcos Acuña e Rodrigo Battaglia, loro come Bas Dost colpito alla testa: necessari alcuni punti di sutura per il centravanti olandese, le cui immagini fecero il giro del web. Inizialmente si sospettava che i risultati deludenti (mancata qualificazione alla Champions seguente) fossero alla base della gravissima vicenda, rosa sotto shock con le parole di conforto dell’allora presidente Bruno de Carvalho: "Quello che è successo è un atto criminale, la polizia è al lavoro per capire chi sono stati i responsabili e prendere le dovute contromisure". In realtà, come emerso nelle indagini dei mesi seguenti, l’artefice dell’aggressione venne individuato proprio nell’ex patron: secondo la procura fu Bruno de Carvalho la mente dell’episodio, lui che lo scorso novembre è stato arrestato insieme a Nuno "Mustafa" Mendes ovvero il leader del gruppo ultras. Rilasciato su cauzione quattro giorni più tardi, l’ex presidente del club è tornato d’attualità dopo le ultime novità nella vicenda riportate dai media portoghesi.

Bruno de Carvalho a processo per le violenze del 2018

L’ex presidente dello Sporting Lisbona è accusato di rapimento e terrorismo per "aver ordinato a 50 teppisti di attaccare i propri giocatori durante l’allenamento", invasione e violenze che successivamente portarono a 9 giocatori che decisero di rescindere il contratto (7 però rimasero) e soprattutto alla rimozione di Bruno de Carvalho al timone della società: dopo le elezioni di settembre, infatti, l’avvento di Frederico Varandas fu dettato anche dal lavoro delle indagini che coinvolgevano proprio l’ex patron. Un terribile 15 maggio 2018 per giocatori e staff presi a calci, pugni e minacciati di morte mentre i violenti distruggevano gli spogliatoi del centro di allenamento, episodio inaccettabile che porterà a processo de Carvalho: già sospettato dai pubblici ministeri e, come detto, arrestato ma rilasciato su cauzione (70mila euro) a novembre, l’ex presidente resta al centro della vicenda dopo che il giudice istruttore ha scoperto prove sufficienti per continuare il caso. Accusato di 56 crimini tra i quali "rapimento" e "terrorismo", de Carvalho si è difeso attraverso i social: "Chiunque consenta intenzionalmente a qualcuno di essere continuamente deriso, calunniato e diffamato è un criminale... e un codardo!". Come riportano i media portoghesi restano altre 43 imputati da giudicare tra i quali Nuno Mendes, noto anche come Mustafa e leader del gruppo "Juventude Leonina" nonché presunto amico di lunga data di Bruno de Carvalho, per il quale non è ancora stata fissata una data per il processo nel Tribunale di Almada come riporta Observador.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche