Svizzera, allo Zurigo 9 positivi al coronavirus: campionato a rischio?

svizzera
Foto Twitter @fc_zuerich

I test effettuati dal club svizzero hanno rivelato la positività al coronavirus di 9 elementi (6 giocatori più 3 membri dello staff). L'intera squadra è ora in isolamento domestico, mentre il presidente del Sion tuona: "Il campionato deve finire qui"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

L'allarme coronavirus torna a suonare e, questa volta, rischia di avere pesanti conseguenze. Lo Zurigo, infatti, ha fatto sapere con un comunicato ufficiale che, dopo la positività al Covid-19 di Mirlind Kryeziu, sono state riscontrati altri contagiati all'interno del club. In una prima nota, la società svizzera aveva affermato di aver trovato altri positivi dopo il test effettuato sui calciatori, i membri dello staff e tutti gli altri dipendenti, sottoponendo l'intera squadra all'isolamento domestico e confermando di "seguire tutte le linee guida e le istruzioni emesse dal BAG (l'Ufficio federale della sanità pubblica ndr) e dal dipartimento sanitario del Cantone". Poi, con un secondo comunicato, la società ha certificato - specificando che non ne sono emersi di nuovi dalla mattina - il numero dei positivi al coronavirus: sono 9, di cui 6 calciatori e 3 elementi dello staff. Sono tutti asintomatici o presentano al massimo sintomi lievi.

vedi anche

Positivo un tesserato del Parma: squadra isolata

Il presidente dello Zurigo, inoltre, a seguito di speculazioni ha tenuto a far sapere che "Mirlind Kryeziu si è comportato in modo professionale, esemplare e responsabile, sottoponendosi immediatamente al test dopo il sorgere dei primi sintomi. Come tutti gli altri dipendenti della società, conosce le istruzioni e le misure precauzionali da adottare. A causa dell'alta viralità del coronavirus, esiste tuttavia sempre un certo rischio di infezione. Non è stato ancora dimostrato se Kryeziu sia stato il primo a scatenare la catena dei contagi".

Presidente Sion: "Campionato da chiudere adesso"

vedi anche

Rifiutano cassa integrazione, Sion ne licenzia 9

Quali conseguenze avranno gli ultimi sviluppi? Il prosieguo della Super League svizzera è più che mai a rischio. A tal proposito è intervenuto Christian Costantin, presidente del Sion, che sembra avere le idee chiare: "Il campionato deve chiudere immediatamente - ha detto al Blick -. "Abbiamo messo la Coppa Svizzera ad agosto perché a livello medico non si poteva giocare ogni 2 giorni, ora come faremo a recuperare queste partite? (Zurigo-Sion e Basilea-Zurigo sono state rinviate ndr). In particolare perché l'Uefa ci ha chiesto di chiudere i campionati entro il 3 agosto, e il 5 il Basilea deve pure giocare in Europa League...".