Bundesliga, l'Amburgo retrocede dopo 55 anni. Caos sugli spalti, fumogeni e polizia in campo

Bundesliga

Dopo quasi 55 anni e per la prima volta nella sua storia l'Amburgo retrocede nella seconda serie tedesca, interrompendo una striscia record segnata dall'orologio dello stadio. Brutta reazione di alcuni tifosi di casa che a recupero iniziato effettuano un fitto lancio di fumogeni in campo che costringe la polizia a fare irruzione e l'arbitro a interrompere la gara per 10 minuti 

BUNDESLIGA, RISULTATI E CLASSIFICA

AMBURGO IN B, TUTTE LE ALTRE SQUADRE MAI RETROCESSE

Anche quell'orologio che sembrava non doversi fermare mai alla fine ha dovuto piegarsi alla legge del tempo. E lo ha fatto nel peggiore dei modi, nel pomeriggio che nessuno voleva vivere e che dopo quasi 55 anni riscrive un pezzo di storia del calcio europeo. Eh sì perché l'Amburgo è retrocesso nella seconda serie tedesca. Per la prima volta nella sua lunga e gloriosa esistenza. Colpa di una stagione piena di contraddizioni ed errori alla quale non è bastata l'epilogo vittorioso di oggi contro il Moenchengladbach: un 2-1 che non è servito per ottenere quell'ultima speranza chiamata spareggio al quale accede invece il Wolfsburg, altra decaduta eccellente del calcio germanico.

Certamente più brutti dell'intera stagione, però, sono stati gli ultimi minuti nella massima serie dei sostenitori dell'Amburgo, protagonisti di un fitto lancio di fumogeni sul terreno di gioco che ha costretto l'arbitro della partita, l'internazionale Brich, a sospendere il gioco quando il recupero era appena cominciato. La rabbia e la frustrazione dei sostenitori di casa non si è placata nemmeno dopo l'invito dei giocatori dell'Amburgo tant'è che sul terreno di gioco ha fatto irruzione la polizia, con tanto di cavalli, per provare a contenere la situazione. Dopo una decina di minuti a dir poco paradossali, con il resto dello stadio in lacrime per una retrocessione dolorosissima e i giocatori ad aspettare vanamente un destino che si sarebbe inesorabilmente materializzato (il Wolfsburg aveva già vinto la sua partita), l'arbitro Brich decide di far riprendere il gioco per soli 10 secondi, decretando ufficialmente la fine di una leggenda. L'Amburgo è retrocesso, anche il tempo questa volta si fermerà. 

I più letti