Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
30 aprile 2010

Ma quanti bocciati di Spagna nella finale di Champions!

print-icon
bay

Guardando entrare in campo Inter e Bayern il 22 maggio al Bernabeu ci accorgeremo che, scorrendo le rose delle due finaliste, sono tanti gli scarti del calcio spagnolo tutt'altro che finiti. Ecco chi. GUARDA IL VIDEO, LE FOTO E I GOL DA SKY SPORT

L'ALBUM DEL CAMMINO DELL'INTER IN CHAMPIONS

I GOL DELLA CHAMPIONS DA SKYSPORT

LE PAGELLE DI BARCELLONA-INTER

Guardando entrare in campo Inter e Bayern, la sera della finale del Bernabeu, in Spagna, in molti proveranno una strana sensazione. e facendo uno sforzo con la memoria, davanti alla tv, magari esclameranno: "Eppure questa faccia non mi è nuova…" perché scorrendo le rose delle due finaliste sono tanti gli scarti del calcio spagnolo, che in Italia e in Germania si sono rivelati tutt'altro che finiti.

I casi più clamorosi sono Robben e Sneijder: per loro al Real non c'era posto, ma ora a Madrid torneranno per prendersi una bella rivincita. Oppure la coppia d'attacco dell'Inter: Milito - 53 gol in 3 anni di Liga - il Genoa se lo riprese dal Saragozza retrocesso senza che nessuna grande di Spagna battesse ciglio. e Laporta, pur di avere Ibra, a Moratti - oltre a 50 milioni - tanto per gradire ha anche aggiunto un giocatorino da nulla come Eto'o. Altro giro, altro regalo. come la coppia argentina Samuel-Cambiasso. liquidati frettolosamente dal Real, fondamentali per l'Inter. o Thiago Motta. dopo la rottura dei legamenti, in Spagna non hanno più puntato su di lui. Per la gioia di Preziosi prima, e di Moratti poi. Accantonato, come il compagno Van Bommel. ceduto dal Barça, ora colonna del Bayern. o Quaresma, forse l'unico che in Spagna non rimpiangono. E in fondo, un bocciato all'esame di spagnolo è pure Balotelli: in prova 2 settimane nella cantera del Barcellona, ma rispedito a casa con il suo talento ancora acerbo.

Senza dimenticare due che la finale la vivranno dalla panchina. e insieme hanno lavorato al Barcellona. dove uno è cresciuto, da traduttore ad allenatore, e l'altro, nonostante due campionati vinti, una Coppa del re e una supercoppa europea, per 2 volte è anche stato anche cacciato. Ritornare in spagna da vincenti, al di là di come finirà, per tutti loro è già un successo.