Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 febbraio 2011

Jordan si difende: mai detto ''italiano bastardo'' a Gattuso

print-icon
jor

Lo "squalo" torna a parlare della rissa con il rossonero scoppiata dopo Milan-Tottenham: "Mia moglie che è ancora a Milano mi ha riferito quello che sui giornali mi accusano di aver detto, ma chi mi conosce sa che non lo farei mai''. LE FOTO DELLA RISSA

Dì la tua sul forum del Milan

Guarda i video: le emozioni della Champions minuto per minuto

I gol della Champions da Sky Sport

Joe Jordan si difende. Lo "squalo" non ci sta a passare per razzista e torna sull'episodio di martedì sera a San Siro in occasione della sfida tra il Milan e il Tottenham per l'andata degli ottavi di finale di Champions League. L'attuale secondo di Redknapp ha giocato in Italia, ha vestito la maglia di un Milan molto meno stellare di questo e che giocava anche in serie B e tiene a precisare in un'intervista alla Gazzetta dello Sport: "Mia moglie che è ancora a Milano mi ha riferito quello che sui giornali mi accusano di aver detto a Gattuso. Chi mi conosce sa che non posso aver detto ''bastardo italiano''. Ma ci sono tantissimi tifosi del Milan e italiani troppo giovani per ricordarsi di Jordan. Anche loro devono sapere che non ho mai detto quelle cose. A Gattuso ho detto soltanto di andar via, di togliersi dai piedi e l'ho fatto con una parolaccia in inglese. Niente di più e niente di anti italiano''.

''Perché Gattuso si è arrabbiato? Non ho la minima idea, si è messo in mezzo quando cercavamo di sostituire Corluka, infortunato per il fallo di Flamini. Gattuso stava nella nostra area tecnica e gli ho detto di sgommare. Poi non c'è stata una parola tra noi fino al fischio finale, quando è tornato da me. Solo lui può spiegare che cosa gli è successo. Ma non accetto che mi si accusi di averlo insultato tirando in ballo la nazionalità. L'Italia per me è il paese dove ho vissuto tre anni speciali da giocatore con Milan e Verona. Mi considero privilegiato e fortunato per avere indossato la maglia del Milan. Io e la mia famiglia torniamo spesso, tutti gli anni, perché in Italia stiamo bene. Ripeto: non mi debbo difendere. Non ho fatto niente di sbagliato".

Le pagelle di Milan-Tottenham

Le foto: Milan-Tottenham da gladiatori