Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 aprile 2011

Van der Sar-Neuer: oggi supersfida tra i portieri dell'addio

print-icon
van

Edwin Van Der Sar è un classe '70, Neuer è dell'86 (Getty Images)

L'olandese del Manchester United si ritirerà a fine stagione. "Sostituirlo sarà difficile come quando abbiamo cercato il successore di Schmeichel", il commento di Ferguson. Il nazionale tedesco non rinnoverà con lo Schalke 04 e andrà al Bayern Monaco

Guarda i video: le emozioni della Champions minuto per minuto

I gol della Champions da Sky Sport

Guida tv: così stasera su Sky Schalke-Man Utd

di Luciano Cremona

Uno ha quasi 41 anni, è alla sua ultima stagione e ha vinto tutto. L'altro di anni ne ha da poco compiuti 25 e sta per lasciare anche lui la sua squadra. Sono tutti e due portieri, grandi portieri. Uno contro l'altro per volare a Wembley per la finale di Champions. Manchester United Schalke non è solo Rooney e Raul, ma anche la sfida tra Edwin Van Der Sar e Manuel Neuer, i numeri uno.

Numeri uno dal destino incrociato. Sir Alex Ferguson ha infatti un delicato compito per la prossima stagione. E cioè scegliere il sostituto per il portiere olandese, che alla ventunesima stagione da titolare, dirà stop. E tra i nomi che erano circolati, era spuntato subito quello di Neuer. Ma il tedesco non cambierà campionato, cambierà solo casacca. E parerà per il Bayern Monaco.

"Sostituire Edwin sarà difficile. Molto difficile, come quando ho cercato il successore di Schmeichel". Se lo dice Sir Alex, c'è da credergli. Non avrebbe mai speso parole così importanti se Van der Sar, che in Italia i tifosi della Juve ancora odiano per le papere che costarono uno scudetto, non avesse lasciato un'impronta storica nella sua esperienza allo United. Una partita su tutte: la finale di Champions 2008, a Mosca, decisa con il rigore parato ad Anelka. Una carriera strana quella dello spilungone olandese. Nove anni all'Ajax con la Champions vinta contro il Milan. Poi i due anni da dimenticare alla Juventus, le quattro stagioni a Fulham per rigenerarsi. Poi, all'alba dei 35 anni, la chiamata di Sir Alex.

Che non ha mai negato di aver fatto fatica ad azzeccare il portiere da scegliere. Dopo Schmeichel provò Bosnich, ma soprattutto Taibi, rispedito in fretta in Italia dopo prestazioni disastrose. Toccò a Barthez non far rimpiangere il gigante danese. Poi il problema portiere tra Carrol e Howard iniziò a diventare una maledizione. Fino all'arrivo di Van der Sar, in grado di vincere per due volte di seguito il premio di miglior portiere della Champions. Una scommessa rischiata e vinta dal tecnico scozzese.

A vincere il premio di miglior portiere della Champions potrebbe pensarci anche Manuel Neuer. Nato e cresciuto a Gelsenkirchen, gioca nello Schalke da quando ha 5 anni. Il mese scorso gli è stata consegnata una targa per celebrare i 20 anni nella stessa società. Per un ragazzo di 25 anni, niente male. Titolare della Germania al  Mondiale, in prima squadra allo Schalke dal 2006, cresciuto nel mito di Lehmann, è in scadenza 2012. Accostato alle più grandi squadre d'Europa, i tifosi pensavano di aver trovato una bandiera che avrebbe sventolato per tutta la vita a Gelsenkirchen. E invece nei giorni scorsi Neuer ha annunciato sul sito del club che non rinnoverà il contratto. Morale? Pur di non perderlo a parametro zero, lo Schalke lo cederà quest'estate al Bayern Monaco, che ha già pronto un contratto da 7 milioni netti all'anno. Lo scorso mese il direttore sportivo Heldt aveva annunciato: "Con i soldi della semifinale di Champions possiamo tenerci Neuer". Ma ormai "Schnapper", "paratutto", ha già deciso.

"Zero come uomo", l'hanno salutato così allo stadio i tifosi. Neuer non se l'è presa, anzi, ha capito. E come richiesta di perdono proverà a parare al meglio delle sue capacità per prolungare il sogno dello Schalke in questa Champions League. Per far venire magari anche un po' di rimpianto a Sir Alex, che lo avrebbe potuto scegliere come successore di Van der Sar. Ma ormai è tardi. Neuer parerà per il Bayern. Ferguson invece dovrà scegliere. Punterà per la prima volta su un portiere giovane, come il fenomeno dell'Atletico Madrid David De Gea (classe '90) o, nel solco della tradizione, punterà sull'esperienza e quindi busserà alla porta della Juventus per Gigi Buffon?

Gioca a Fantacampioni